Risparmiare sul riscaldamento con diversificazione della temperatura e cronotermostati

Di , scritto il 02 Novembre 2010

Risparmiare sul riscaldamentoSecondo alcuni studi, ogni il 55% della bolletta energetica italiana (la somma dei consumo per elettricità e riscaldamento) viene disperso. Una percentuale che tradotta in denaro fornisce la spaventosa cifra di 17 miliardi di euro letteralmente buttata via.

Eppure è difficile rendersi conto degli errori che si fanno, specialmente per quanto riguarda il riscaldamento. Ma anche facendo da soli, è possibile agire su vari fronti per ridurre le spese di riscaldamento, senza assolutamente rinunciare al necessario comfort. Per esempio consigliamo di:

* Diversificare la temperatura a seconda delle zone della casa: 20 gradi centigradi sono adatti agli ambienti in cui si lavora al computer o si trascorre la maggior parte del tempo seduti, per esempio in soggiorno. Bastano 19° C per le stanze in cui si passano poche ore della giornata e 18° C per le camere da letto, dove una temperatura più bassa consente di dormire meglio. Se vivete in una casa con un riscaldamento centralizzato è un buon investimento installare valvole termostatiche ai radiatori della casa. Ma se ciò non è possibile, oppure se il vostro impianto è autonomo ma non avete un termostato separato per ogni zona della casa, conviene acquistare un termometro digitale per ogni stanza, che consenta di controllare la temperatura e di chiudere parzialmente o totalmente il radiatore al momento giusto.

* Spegnere i radiatori che si trovano negli ambienti poco utilizzati (ripostiglio, sottoscala, soffitta).

* Se si vive in un’abitazione su più livelli, con scale aperte, chiudere i radiatori all’ultimo piano, poiché l’aria calda va comunque sempre verso l’alto.

* Quando si possiede un riscaldamento autonomo, installare un cronotermostato, che consente di regolare la temperatura dei vani e di automatizzare accensione e spegnimento dell’impianto. Ci sono due scelte possibili: lasciare l’impianto termico sempre acceso al minimo, con una temperatura costante durante tutta la giornata, che non sarà difficile far salire di 3-4 gradi la sera. Oppure scegliere di dare una fiammata forte poco prima dell’arrivo a casa, in modo da trovare la casa già ben riscaldata.

* Mantenere sempre sotto controllo il termostato. Semplicemente abbassandolo di mezzo grado (se è compreso tra i 19 e i 22° C), si può risparmiare il 3% dell’energia consumata.

* Non chiudere le tende delle finestre davanti ai termosifoni. Usare invece ogni tipo di cortina possibile davanti alle finestre sotto le quali non vi sono radiatori: tende, tendoni, paraspifferi e addirittura zanzariere possono evitare parecchia dispersione di calore verso l’esterno.

* Usare pannelli riflettenti o fogli isolanti per radiatore applicati alla parete dietro il termosifone per migliorarne il rendimento.

* Installare le apposite guarnizioni paraspifferi alle porte.

* Installare dispositivi di ritorno a molla per le porte che si affacciano su spazi aperti, per bloccare l’ingresso di aria fredda.

Interventi più costosi, ma che porteranno a una drastica riduzione dei consumi sono: la sostituzione della caldaia, l’installazione di serramenti a risparmio energetico e l’isolamento delle pareti con un cappotto termico.

Con interventi opportuni la spesa per il riscaldamento può essere abbattuta anche del 30-40% e il costo dell’intervento viene notevolmente diminuito dall’effetto delle detrazioni fiscali del 55%, previste dalla legge.


4 commenti su “Risparmiare sul riscaldamento con diversificazione della temperatura e cronotermostati”
  1. anna ha detto:

    quest’anno abbiamo installati le valvole in un condominio con impianto centralizzato.
    Grazie alle condizioni climatiche e al fatto che siamo in casa solo poche ore al giorno, risparmieremo circa 1.000 euro, utilizzabili per un cappotto termico o una stufa a pallet

  2. Termosmart ha detto:

    Oltre che agire sulla caldaia (es. a condensazione), e sull’isolamento
    dell’involucro (materiali isolanti e doppi vetri), è possibile agire sulla
    distribuzione con valvole termostatiche o sistemi più avanzati come
    Termosmart ( http://www.termosmart.it ).

  3. Andrea Rossetti ha detto:

    Tutto ciò che può portare a un risparmio sul riscaldamento va tenuto in debita considerazione sia per contenere le spese del sia per garantirci un’aria più pulita; dotarsi del Me.Si., metodo sistema inventato dal Sig. Franco Russi può essere un’idea molto valida; si tratta di un dispositivo che si interfaccia con la caldaia di un impianto e che è in grado di donare risparmi ben sopra la media; il benessere che ne deriva è invidiabile; Me.Si. offre risparmio accendendo meno la caldaia pur migliorando il rendimento di un impianto; il rilascio del calore in maniera uniforme è la cosa più apprezzabile di questo prodotto così semplice nell’istallazione ma altrettanto intuitivo nel funzionamento e nei risultati.
    Soltanto per informarsi visitare il sito http://www.mesi-italia.com

  4. […] diversificazione della temperatura e cronotermostati per risparmiare sul riscaldamento abbiamo già parlato. Un’altra tecnologia che porta a un […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009