Giardini sui tetti: una silenziosa rivoluzione verde

Di , scritto il 01 Dicembre 2011

E’ sempre più frequente, anche nelle grandi città, una nuova concezione di giardino, che consente di veder crescere un prato anche dove c’è solo cemento. I giardini pensili sono una nuova tecnologia ambientale che consente di piazzare manti erbosi, fiori, ortaggi, frutti e perfino alberi su qualunque superficie piana e impermeabile, come quella dei tetti di molti edifici.

Il peso e lo spessore (al massimo 20 centimetri) del terriccio sono molto ridotti: si preferisce infatti usarne uno costituito da materiali minerali vulcanici. La manutenzione del materiale è semplice e ridotta: questo terriccio si muove e si zappa facilmente, necessita di poca irrigazione e di poco concime.

La pratica è nata nell’Europa del nord – pensate che nella città tedesca di Stoccarda i giardini sui tetti sono addirittura obbligatori – ma poi il fenomeno si è diffuso rapidamente anche altrove. A Cinisello Balsamo, nell’hinterland milanese, i tetti delle case comunali sono stati riqualificati e trasformati in 1500 metri quadri di verde. Così ogni inquilino ha il suo lotto con vista, che può curare e attrezzare a piacere.

Oltre al benefico effetto che ha questo tipo di rilassante giardinaggio sulla qualità di vita del proprietario, e a incrementare il valore dell’immobile, i tetti verdi urbani apportano molti altri vantaggi ambientali: riducono l’inquinamento acustico ed elettromagnetico, migliorano la temperatura urbana, permettendo soprattutto d’estate un ottimo isolamento termico – con conseguente risparmio energetico.

E poi un giardino pensile è utile per la tutela della biodiversità, perché in queste piccole oasi si possono ricreare gli habitat distrutti dall’urbanizzazione. Non ultimo, questi giardini pensili svolgono un ruolo importante nel controllo delle piogge abbondanti – in quanto trattengono buone quantità di acque piovane e alleggeriscono l’opera di smaltimento idraulico di tombini e fogne.

 


2 commenti su “Giardini sui tetti: una silenziosa rivoluzione verde”
  1. […] svizzere ormai è obbligatorio progettarne uno per un nuovo edificio che si va a costruire. I vantaggi di un giardino pensile sono moltissimi: innanzi tutto l’isolamento termico derivante permette di ridurre […]

  2. […] la luce del sole invece di assorbirla, l’erba trattiene anche l’acqua piovana. * Anche i giardini sui tetti offrono enormi benefici per il raffrescamento degli edifici – oltre che per la produzione di […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009