Panoramica dei vari tipi di insufflaggio per la coibentazione delle case

Di , scritto il 02 Novembre 2016

insufflaggioI sistemi attualmente più usati per coibentare le intercapedini di muri e pavimenti, i tetti e i sottotetti sono tre. Vediamone caratteristiche e i vantaggi.

* Insufflaggio con fibra di cellulosa in fiocchi
La cellulosa in fiocchi è un isolante termico e acustico ricavato dalla carta di quotidiani con l’aggiunta di sali minerali di boro. Viene compressa per insufflazione nelle intercapedini già esistenti o prefebbricate in legno oppure posata sfusa sui solai non abitati. Ha il vantaggio di garantire un’isolamento completo perché la cellulosa non è soggetta a riduzione di volume. Gli additivi minerali non sono tossici, ma hanno funzioni fungicide, tenogno lontani insetti, topi e muffe. La cellulosa trattata in questo modo è anche autoestinguente e altamente resistente al fuoco.

* Insufflaggi granulari con vermiculite
La vermiculite allo stato naturale è una particolare variazione morfologica della mica data da un trattamento termico che le fa perdere l’acqua combinata. Questo materiale isolante è totalmente naturale, sterile e chimicamente inerte, oltre che incombustibile, imputrescibile, inattaccabile da batteri, funghi, muffe, roditori o insetti. L’insufflaggio della vermiculite avviene con l’inserimento del prodotto all’interno di intercapedini, controsoffitti e sottotetti mediante un apposito macchinario che effettua dei fori nei quali viene inserito il tubo collegato al macchinario. La parete viene riempita “per caduta”, così i granuli del materiale riescono a riempire anche le parte dell’intercapedine a cui è difficile accedere. Gli insufflaggi con vermiculite sono di posa veloce, garantiscono traspirabilità, isolamento dal caldo e dal freddo.

* Insufflaggi con lana di vetro in fiocchi
La lana di vetro in fiocchi è un prodotto isolante eco-sostenibile, ottenuto in massima parte da vetro riciclato. La lana di vetro in fiocchi viene compressa per insufflazione nelle intercapedini oppure viene posata sfusa su solai non abitabili. L’insufflaggio produce una distribuzione omogenea, a perfetta tenuta e a totale isolamento. La lana di vetro in fiocchi non è soggetta ad assestamento e dunque mantiene il suo volume inalterato nel tempo. Non emana esalazioni nocive e una protezione contro gli incendi essendo incombustibile. È possibile utilizzarla anche in presenza di umidità di risalita all’interno della muratura, poiché non è intaccabiile dall’umidità e non ne favorisce la propagazione. Anche la lana di vetro in fiocchi non contribuisce allo sviluppo di batteri e muffe e non costituisce fonte di nutrimento per insetti e roditori. Dei tre materiali è quello più utile anche per l’isolamento acustico.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009