Pallet gardening: come utilizzare i vecchi bancali per organizzare un orto

Di , scritto il 21 Giugno 2018

Avete presente i pallet (anche noti come pedane, pancali o bancali) in legno? Il loro uso più tradizionale è per il trasporto, lo spostamento e l’immagazzinamento di materiali. Una volta giunti a fine vita, però, quando forse sono troppo fragili o scheggiati, possono diventare dei validi alleati nel nostro orto. La moda si chiama pallet gardening e nel mondo anglosassone è una tendenza di successo da alcuni anni a questa parte. Si tratta infatti di un sistema molto efficiente ed economico per proteggere le piante e mantenerle sane, evitando gran parte della proliferazione delle erbacce. I bancali funzionano come vera e propria struttura di delimitazione e sostegno. Ecco alcuni consigli utili su come sistemarli:

* Scegliere una superficie soleggiata.
* Preparare il terreno mediante dissodamento, aerazione, concimazione con compost.
* Misurare il pallet e scavare una sagoma dello stesso perimetro con una profondità pari a circa la metà della sua altezza.
* Sistemare il pallet e stabilizzarlo martellando leggermente i bordi.
* Aggiungere terriccio a sufficienza per riempire gli interstizi (non completamente, però, circa i 3/4 della loro altezza).
* Piantare semi o piantine nelle file create dalle aperture
* Innaffiare e curare come di consueto.

Alla fine della stagione, dopo aver goduto i vantaggi di questa piccola aiuola compatta ed efficiente, potrebbe essere ora di lavorare il terreno oppure di cambiare coltura: a quel punto basterà sollevare il pallet e riporlo in magazzino, oppure spostarlo nella nuova posizione.

Il pallet gardening è particolarmente adatto per la coltivazione delle fragole, ma è anche ideale per lattuga, rucola, spinaci ed erbe aromatiche.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009