Come avviene il riciclo del vetro? Il trattamento spiegato in breve

Di , scritto il 10 Settembre 2013

Riciclo del vetroIl vetro è un materiale riciclabile al 100% e di gestione relativamente facile. Pensate che riciclando 1 chilogrammo di vetro si riducono i consumi energetici rispetto alla lavorazione della materia prima di una quantità di energia pari a 1,37 kwh, l’equivalente di ciò che consuma un PC acceso per 24 ore. La produzione di vetro ex novo ha ovviamente un impatto ambientale: i materiali che si utilizzano per produrlo (diossido di silicio, soda, potassa e altri additivi per il colore o trattamenti speciali) non sono particolarmente rari in natura, ma devono comunque essere estratti dalle cave, causando inevitabili danni all’ambiente e al paesaggio. Richiedono inoltre l’utilizzo di grandi quantità di energia, con conseguente emissione di gas nocivi in atmosfera. Il rottame (che sia di origine industriale, urbana, ospedaliera o altro) può essere opportunamente vagliato e introdotto nel ciclo produttivo del vetro in una percentuale più o meno alta, dando come risultato un materiale che non ha perso in alcun modo le sue qualità e che può essere ri-fuso infinite volte. Senza contare il fatto che tutto il vetro opportunamente conferito nei centri di raccolta non andrà a occupare spazio nelle discariche di rifiuti.

Dopo la raccolta, il vetro viene trattato e rielaborato seguendo le seguenti fasi:
* Cernita meccanizzata dei vari colori di vetro (di solito bianco, marrone, verde, blu).
* Frantumazione ed eliminazione di corpi estranei (come frammenti di ceramica, parti magnetiche, metallo, carta, plastica) mediante l’uso di magneti, aspiratori e selezionatrici laser.
* Fusione a oltre 1500 °C con eventuale aggiunta di materiali come ferro (che funge da colorante per il vetro marrone o verde), cobalto (per il vetro blu), allumina (rende il materiale più durevole), boro (migliora la resistenza al caldo o al freddo).
* Stampaggio o soffiatura in nuovi contenitori come bottiglie o barattoli per infiniti usi domestici e industriali oppure utilizzo del vetro per la fabbricazione di lana di vetro (materiale isolante), vetro artistico, vetro per auto, fibre ottiche, mattoni speciali e filtri per il trattamento delle acque reflue.


3 commenti su “Come avviene il riciclo del vetro? Il trattamento spiegato in breve”
  1. […] imballaggi monouso. Si sa che il vetro è riciclabile infinite volte al 100% ma una cosa è il processo di trattamento del vetro vecchio (cernita, frantumazione, fusione, stampaggio/soffiatura), tutta un’altra è che ogni azienda […]

  2. riki ha detto:

    bella spiegazione
    🙂 ;p

  3. […] Senza contare il fatto che il vetro si può riciclare all’infinito, con un alto risparmio di energia e di materie prime: da 1 tonnellata di rottame di vetro si ottiene 1 tonnellata di prodotto nuovo. Occorrono invece 1,2 tonnellate di materie prime per avere 1 tonnellata di vetro prodotto ex-novo. Seguite il link per capire meglio come avviene il processo di riciclo del vetro. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009