Sostenibilità in casa: ridurre le spese pensando all’ambiente

Di , scritto il 06 Ottobre 2017

Ultimamente il nostro Pianeta ha dovuto tollerare un’enorme quantità di angherie: nel corso dei secoli, l’abuso e lo sfruttamento delle risorse energetiche lo hanno portato quasi al collasso. Le famiglie italiane, spesso in passato corresponsabili di questi sprechi, hanno dovuto anch’esse piegarsi a qualcosa più forte di loro: la crisi economica. Questo duetto di condizioni ha necessariamente spinto le famiglie verso un obbligo: ridurre i consumi per ridurre le spese, pensando anche all’ambiente. Ma la sostenibilità in casa è spesso ricca di luoghi comuni e di notizie errate o fuorvianti: oggi vedremo quindi alcuni consigli molto preziosi per risparmiare energia in casa, con un occhio all’eco-sostenibilità e l’altro al conto in banca.

Luce e gas: scegliere bene i fornitori

Il mercato delle forniture energetiche offre oggi un’ampia gamma di opzioni: per cominciare a risparmiare, è necessario partire da questa scelta. Anche perché è proprio qui che si gioca una prima fase di riduzione dell’impatto sull’ambiente. Ma come fare? Per scegliere con cognizione di causa, è sempre meglio confrontare prima le tariffe per la luce e il gas su piattaforme web come comparasemplice.it. Questi siti, infatti, comparano le tariffe di tutti i fornitori sul mercato e al termine dell’operazione danno come risultato le tariffe più economiche. Oppure quelle più giuste per le esigenze degli utenti e delle famiglie.

Sostituire le lampadine con i LED

Le classiche lampadine dotate di bulbo aa incandescenza sono una delle maggiori fonti di sprechi energetici in casa. Questo perché la loro tecnologia non riesce a gestire e a ottimizzare l’uso dell’energia elettrica: al contrario delle lampadine a LED, che possono addirittura portare ad un risparmio in bolletta superiore all’80%, con una durata di circa 50.000 ore. Certo, va anche specificato che non bastano i LED per risparmiare: bisogna anche entrare nell’ottica che la luce elettrica va dosata, e utilizzata solo quando serve. In sintesi, sarà tutto inutile se poi lascerete le luci accese tutto il giorno. Meglio collegare i LED ad una centralina in grado di automatizzare l’accensione e lo spegnimento delle luci.

Altri consigli utili per una casa eco-sostenibile

Gli elettrodomestici che acquisterete potranno anche loro fare la differenza: soprattutto se opterete per apparecchi a risparmio energetico, contrassegnati dalla dicitura da classe A+ ad A+++. Grazie a questi dispositivi, che includono lavatrici, frigoriferi e lavastoviglie, il risparmio sarà davvero molto consistente: sia in termini di sprechi energetici che di costi. Anche la caldaia andrebbe sostituita con un modello di elevata classe energetica: essendo il cuore pulsante dell’edificio, non farlo potrebbe infatti portare a ingenti sprechi di gas. Attenzione, poi, agli sprechi idrici: l’acqua non va mai lasciata scorrere inutilmente. Per evitare distrazioni o altro, esistono alcuni rubinetti e sistemi per il water che ottimizzano il consumo e automatizzano la chiusura delle valvole.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009