In Val Sabbia il più grande impianto fotovoltaico pubblico d’Europa

Di , scritto il 28 Novembre 2012

Una zona ad alta produttività industriale diventa un simbolo dell’ecosostenibilità. Siamo in Val Sabbia, a nordest di Brescia; qui, senza badare a colori politici o ad antichi campanilismi, tutti i venticinque comuni della vallata, più altri sedici che si sono aggregati, si sono consorziati e hanno deciso di rendere autonomi dal punto di vista energetico tutti gli edifici pubblici. Dopo pochi mesi di lavori, alla fine del 2010 è nato il maggiore impianto fotovoltaico pubblico d’Europa. Dove c’erano capannoni abbandonati coperti di eternit e un degrado ambientale a vista d’occhio ora c’è un lago di luce funzionale al servizio della valle: 24.800 pannelli solari che danno energia a tutti i comuni citati. In questo modo, si è unita la produzione di energia elettrica pulita alla bonifica di un sito estremamente problematico da vari decenni a questa parte per i comuni limitrofi.

La centrale fornisce energia per ben 7,8 milioni di kW l’anno, con un ricavo annuale che si aggira sui 5 milioni di euro. In parte il denaro viene usato per saldare il mutuo, ma la maggior parte entra nelle casse dei comuni che ora non devono più pagare per l’illuminazione di strade, il funzionamento di semafori, scuole e uffici municipali.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009