Riscaldamento a legna: essenziale la corretta manutenzione dei camini

Di , scritto il 17 Marzo 2014

manutenzione caminiIl discorso della manutenzione dei camini è opportuno in qualsiasi stagione, essendo sempre più numerose le persone già passate a questa forma di riscaldamento o che hanno intenzione di sceglierla per il futuro. Il periodo giusto per chiamare uno spazzacamino (perché sì, questa figura professionale esiste ancora e ha strumenti ben diversi da quelli del passato, come potete vedere dalla foto) è l’autunno. E questa abitudine è di cruciale importanza per garantire la salute della famiglia: il principale nemico si chiama creosoto: è un mix di sostanze fenoliche che si accumula nei camini sporchi in seguito alla combustione del legno. Secondo gli studi epidemiologici, il contatto con il creosoto può portare a un aumento dell’incidenza di cancro ai polmoni e carcinomi della pelle.

Oltre alla pulizia delle pareti interne, un bravo spazzacamino sarà anche in grado di notare e riparare fessure o mattoni non ben fissati che possono impedire al camino di espletare le sue funzioni in maniera ottimale.

Sulla superficie aperta del camino sul tetto sarebbe opportuno installare una rete metallica che debordi e venga fissata sui lati dell’apertura: impedirà a volatili o altri animali di entrare nel camino.

Per quanto riguarda l’utilizzo del caminetto all’interno della casa, ecco alcuni consigli utili per la sicurezza e la salute.
* Tenere oggetti di carta e frammenti di legno molto lontani dalla fiamma per evitare che possano accidentalmente incendiarsi.
* Proteggere il fuoco con uno schermo di vetro oppure in rete metallica a maglia stretta per impedire che le scintille arrivino a incendiare eventuali tappeti o altri oggetti nelle vicinanze.
* Per la combustione usare legna vecchia e molto secca, tagliata almeno 6-12 mesi prima dell’utilizzo. La legna verde produce infatti più creosoto. Non lasciarsi tentare dall’idea di bruciare alcun tipo di spazzatura o altri tipi di rifiuti vegetali come foglie o rami di piante ornamentali: anch’essi producono creosoto.
* Non bruciare quantità eccessive di legno: una temperatura troppo alta prima o poi causerà lo sviluppo di crepe nella muratura interna del camino, in cui si accumulerà il pericoloso creosoto di cui abbiamo parlato sopra.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009