Acqua calda e vapore per pulire: cosa c’è di più ecologico?

Di , scritto il 14 Gennaio 2011

Dobbiamo ri-scoprire l’acqua calda (non è una battuta!), anzi, caldissima, perché è perfettamente in grado di pulire e disinfettare pavimenti, pareti piastrellate, marmi, suppellettili, tapparelle.
Gli apparecchi vaporizzatori che sparano vapore d’acqua oltre i 100° C rappresentano uno dei migliori sistemi di detergenza e igienizzazione delle strutture casalinghe e sono in grado di soppiantare in maniera realmente ecologica i tradizionali detersivi. Il vapore spruzzato ad alte temperature rimuove senza fatica le macchie di cibo, le gomme da masticare, il grasso, la muffa, le incrostazioni ed esercita anche un’azione antisettica, con l’eliminazione di germi, batteri, muffe e acari della polvere. Se all’acqua si aggiunge un po’ di alcol oppure un cucchiaio di aceto e sale, si ottiene un detergente migliore di qualsiasi detersivo disinfettante.

Ecco due tipi diversi di pulitori a vapore che vi consigliamo caldamente: il primo, che vedete qui in alto è un pulitore a vapore dalle dimensioni contenute che ha un raggio d’azione di 6 metri e 12  minuti di autonomia. L’apparecchio ha una potenza di 1300 Watt ed è dotato di un tappo di sicurezza, di una spia che si illumina quando è in funzione e di un avvolgicavo. Il suo prezzo è di 34,90 euro (nella cifra sono inclusi un beccuccio curvo, un erogatore a getto, una spazzola rotonda, un tergivetri e un imbuto).

Il secondo elettrodomestico che vi consigliamo e che vedete qui a destra è un pulitore a vapore, anch’esso di dimensioni contenute (19 x 13 x 11 centimetri) abbinato a panni di microfibra con cui completare le operazioni di pulizia. Con il suo sistema di pompaggio produce vapore in tre modi diversi: premendo il grilletto,  muovendo la piastra in direzione verticale e orizzontale. Ha una potenza di 1550 Watt, il getto di vapore dura per 13 minuti e raggiunge la temperatura 105° C.  Il suo prezzo è di 39,99 euro.

Come vedete, in entrambi i casi si tratta di una spesa minima che ammortizzerete nel giro di poche settimane considerando il risparmio sui detersivi e che a lungo termine non tarderà di far sentire i suoi benefici per la vostra salute.

5 commenti su “Acqua calda e vapore per pulire: cosa c’è di più ecologico?”
  1. […] Per piastrelle e pavimenti, fate affidamento sui pulitori a vapore, magari aggiungendo un po’ di aceto o alcol all’acqua calda se volete sgrassare […]

  2. Maria Grazia ha detto:

    Sono veramente interessata ad un pulitore manuale a che spari vapore a 100° per eliminare i detersivi, ma noto che questo sito è datato o è ancora valida l’informazione?

  3. […] pulire piastrelle e pavimenti, secondo noi non c’è nulla di meglio dei pulitori a vapore, specie se si aggiunge qualche goccia di aceto o di alcol all’acqua calda  per sgrassare […]

  4. […] di sporco, anche sui pavimenti. L’unica accortezza per quanto riguarda l’utilizzo di un pulitore a vapore, è quella di evitare di usarlo sulla ceramica smaltata, per non incrinare lo smalto. Se per […]

  5. […] Per quanto riguarda le piastrelle di ceramica di muri e pavimenti, l’ideale è pulirle con un getto di vapore caldissimo. L’ammoniaca può essere egregiamente sostituita dall’aceto […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009