Pirelli e Amazon, l’alleanza dietro lo pneumatico connesso

Di , scritto il 11 Maggio 2018

pneumatico connesso

A voi che amate i motori e la velocità: vi piacerebbe sapere tutto sullo stato degli pneumatici della vostra auto? Non solo le caratteristiche di produzione, ma anche lo stato della pressione, il livello di usura e soprattutto quanti chilometri potranno ancora percorrere prima di doverli cambiare?

Se la risposta è sì, dovete sapere che Pirelli e Amazon ci hanno già pensato e hanno stipulato un accordo per sviluppare un nuovo modello di gomme intelligenti, in grado di immagazzinare una serie di informazioni su un cloud che voi potrete vedere connettendovi con il vostro smartphone.

Pirelli connesso, lo pneumatico intelligente

Frutto dell’innovazione tecnologica delle officine Pirelli, Pirelli connesso è un modello di ultima generazione, dotato non solo di un design accattivante e di tutte le caratteristiche di affidabilità e comfort tipiche dei prodotti del marchio della P lunga, ma anche di un nuovo sistema di monitoraggio costante del suo stato di funzionamento e delle sue performance, che da oggi può essere visionato dagli stessi guidatori.

Questo grazie all’accordo firmato con Amazon, che da parte sua ha deciso di mettere a disposizione un apposito cloud su Amazon Web Services, dove tutte le informazioni registrate dagli pneumatici Pirelli connesso in circolazione vengono caricate e accumulate, permettendo al guidatore/utente di accedervi utilizzando il proprio smartphone e una semplice connessione internet.

Con questa novità la Società della Bicocca, sotto la guida del suo Amministratore Delegato e Vice Presidente Esecutivo Marco Tronchetti Provera, conferma la sua nuova veste di pure consumer tyre company, focalizzata sui prodotti di alta gamma premium e prestige, ideati per i consumatori più esigenti e attenti.

Connettività a 4 ruote

Ma che significa pneumatico intelligente e come funzionano i nuovi pneumatici Pirelli connesso? Lo ha spiegato nel dettaglio Daniele Benedetti, Ict enterprise architecture & innovation manager di Pirelli, in occasione dell’AWS Summit Milano 2018 che si è svolto lo scorso 27 marzo nella sede di Milano Congressi (MICo).

In sostanza ogni pneumatico Pirelli connesso è dotato di uno speciale sensore nella sua inner liner, che oltre a contenere tutte le specifiche sulle caratteristiche dello pneumatico, quindi una sua dettagliata “carta di identità”, è in grado di registrare e memorizzare tutte le informazioni utili sul suo stato e sul suo funzionamento, dalla pressione interna, alla temperatura esterna dell’asfalto, al livello di usura della copertura, alla sua durata chilometrica residua e così via.

Potente e performante come la “scatola nera” di un aereo, questo piccolo sensore è collocato nella posizione ottimale di rilevamento ed è studiato per poter resistere per anni ad alta velocità, con una durata che eguaglia e talvolta supera quella degli pneumatici standard.

Tutte le informazioni registrate vengono quindi trasmesse e immagazzinate al cloud del partner Amazon Web Service, che le trasferisce ai singoli utenti per permettergli di consultarle in qualsiasi momento, semplicemente connettendosi al servizio con il proprio cellulare, per valutare lo stato del proprio veicolo e le proprie performance di guida.

Chiaramente non serve essere degli ingegneri o degli informatici per poter accedere a tali informazioni: dato che il set di pneumatici Pirelli connesso dotati di sensori viene montato e configurato da dealer certificati, al momento dell’acquisto al proprietario verranno fornite le credenziali di accesso al cloud Aws. Questi quindi non dovrà fare altro che installare l’apposita App sul proprio smartphone, inserire le credenziali ricevute, e da quel momento in poi riceverà sul proprio cellulare sia le informazioni dirette registrate dai sensori, sia quelle elaborate da Aws.

La società americana, oltre a mettere a disposizione il cloud, ha infatti affiancato Pirelli nella fase di digitalizzazione delle informazioni registrate da Pirelli connesso, per fornire agli utenti finali dati comprensibili e facilmente interpretabili attraverso un’App mobile friendly ed efficiente.

Mobilità intelligente

Con questo nuovo prodotto e la collaborazione con Amazon, Pirelli dimostra di voler stare al passo con i tempi e di voler sfruttare tutte le possibili applicazioni delle nuove tecnologie nel campo della mobilità e dei trasporti, per permettere ai propri clienti e ai proprietari di automobili delle esperienze di guida sempre più complete e performanti, nonché un totale controllo del proprio veicolo.

Lo dimostra il fatto che Pirelli connesso funziona anche da remoto, per cui ogni guidatore, prima di intraprendere un lungo viaggio di lavoro o partire per una vacanza con la propria famiglia, può fare il check up delle gomme del suo veicolo utilizzando l’App, per partire senza intoppi e godersi un viaggio all’insegna della sicurezza e del divertimento.

Se dopo aver letto questo articolo non vedete l’ora di dotare il vostro veicolo dei nuovi pneumatici Pirelli connesso, vi avvertiamo che c’è ancora un po’ di attesa. Per ora è stata avviata la commercializzazione di questi nuovi gioielli di Pirelli negli Stati Uniti, ma presto arriveranno anche in Europa e nel nostro paese. Nell’attesa potete prepararvi all’evento, cercando i dealer autorizzati al montaggio dei nuovi modelli, per essere i primi pionieri della mobilità intelligente.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009