L’estetica del caminetto: tra sostenibilità ambientale e arredo

Di , scritto il 30 Gennaio 2013

Nell’era del design anche un oggetto antico e tradizionale come il caminetto diventa un elemento di stile in grado dialogare con l’arredamento circostante conferendo personalità e un impareggiabile senso di ospitalità alla vostra casa.

Un tempo il focolare era il centro delle attività domestiche, con cui si cuocevano i pasti per tutta la famiglia e attorno a cui ci si radunava la sera per raccontare storie e tutto ciò che era avvenuto durante la giornata. Il caminetto era quindi il vero fulcro della casa, soprattutto durante i mesi invernali.

Oggi, oltre che oggetti legati ad un’utilità pratica, la stufa o il caminetto riescono a svolgere funzioni diverse, grazie anche all’utilizzo di nuove tecnologie e di combustibili più versatili come il pellet.  Una stufa viene intesa quindi non solo come mezzo per riscaldare la casa ma anche come oggetto di design in grado di elevare  la classe energetica di un’abitazione e risollevare la nostra coscienza ecologica.

I camini per la casa MCZ sono progettati con le migliori tecnologie esistenti, si può scegliere la tipologia della combustione, il rivestimento, la collocazione all’interno delle mura domestiche, creando quindi un caminetto rispondente al 100% a quelle che sono le personali esigenze estetiche e di riscaldamento.

I caminetti MCZ sono delle vere e proprie opere d’arte, non a caso gran parte dei modelli proposti dall’azienda prende il nome proprio dai grandi artisti di secoli passati. Consultando il catalogo MCZ, potrete capire come risparmiare sulla bolletta del metano e al tempo stesso aggiungere uno straordinario valore estetico alla vostra casa.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009