Oggi si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua

Di , scritto il 24 Marzo 2017

Oggi, 22 Marzo, celebriamo l’acqua. Lo facciamo dal 1993, quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 22 Marzo come la Giornata Mondiale dell’Acqua.

L’acqua è fonte di vita: è essenziale per la salute umana e per l’ambiente naturale ed è una risorsa preziosa anche per molti settori dell’economia, dove la produzione e i posti di lavoro in settori quali l’agricoltura, la navigazione e la produzione di energia sono spesso fortemente dipendenti dall’acqua.

Mentre celebriamo quest’importante iniziativa, dobbiamo ricordare il ruolo dell’acqua per quanto riguarda la stabilità globale, il cambiamento climatico e la nostra responsabilità nei confronti di questo fenomeno.

Portare avanti l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, nell’UE e a livello internazionale, non può essere fatto senza una politica sull’acqua. L’ Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 6 è dedicato all’acqua: questa è una sfida per le autorità pubbliche, le imprese private e i cittadini. Insomma: tutti quanti noi.

L’Unione Europea ha messo in atto un progetto per le risorse idriche. I molteplici usi dell’acqua e le molteplici pressioni su di essa ne richiedono una gestione integrata all’interno dei bacini fluviali, che sono gli obiettivi fondamentali della Politica delle Acque dell’UE da quando la direttiva sul panorama idrico è stata adottata nel 2000.

Non molto tempo fa, nuotare in molte delle nostre acque di superficie non era previsto e molti fiumi e mari erano biologicamente in uno stato molto povero a causa dell’inquinamento provocato dagli esseri umani e dall’industria. Nel corso degli ultimi decenni, grazie a interventi normativi, ai miliardi di euro di investimenti e agli sforzi di milioni di persone che lavorano insieme, i cittadini dell’UE possono ora godere di acque potabili e di balneazione pulite, così come pesci iconici, come il salmone, tradizionalmente minacciati, stanno ripopolando alcune acque.

Tuttavia, permangono delle sfide significative: vi è un’eccessiva estrazione di acque sotterranee nel 60% delle nostre città; il 25% delle acque sotterranee presenta uno stato chimico povero e dall’ultimo conteggio risulta che quasi la metà dei nostri bacini idrici non ha raggiunto l’obiettivo UE di buono stato ecologico entro il 2015. Le pressioni sui nostri oceani provenienti da fonti terrestri sono in aumento, portando ad un accumulo di rifiuti marini, problemi di eutrofizzazione o alte concentrazioni di contaminanti.

Siamo determinati a muoverci verso un’economia più circolare e a gestire le nostre risorse, compresa l’acqua, in modo più sostenibile ed efficiente. Maggiori investimenti sono necessari per realizzare questo obiettivo, in particolare per trovare nuove e innovative soluzioni.

La realizzazione di sistemi idrici innovativi detiene un notevole potenziale per aumentare la competitività e la crescita del settore idrico europeo, che impiega già circa un milione di persone in Europa.

La riduzione degli importi insostenibili di rifiuti alimentari ha il potenziale di ridurre in modo significativo la quantità di rifiuti presenti nell’ acqua, considerata la dipendenza della produzione alimentare dall’acqua. Vi è anche un potenziale di crescita in altri settori correlati all’acqua (le industrie che utilizzano acqua, sviluppo tecnologico, infrastrutture idriche urbane, ecc.) in cui l’innovazione può incrementare l’efficienza operativa e aprire nuovi mercati. Alti standard europei per l’acqua potabile, acque di balneazione e trattamento delle acque reflue hanno favorito lo sviluppo di un forte settore delle acque nell’UE con un fatturato combinato di 20 miliardi di euro.

L’agricoltura dipende dall’acqua per la produzione di alimenti e lavori rurali. Eppure, i nutrienti e pesticidi agricoli contribuiscono, in parte, a bassi standard normativi e l’estrazione per l’irrigazione in alcune zone è oltre i limiti sostenibili. Stiamo lavorando insieme per individuare le modalità per garantire, attraverso un migliore utilizzo e l’integrazione degli strumenti esistenti, una gestione sostenibile dell’acqua e un’agricoltura sostenibile. Per il futuro, la Commissione Europea ha lanciato una consultazione pubblica sul futuro della Politica Agricola Comune.

Nel 2017, la Commissione Europea proporrà di rivedere la Direttiva sull’Acqua Potabile. Questa è la risposta della Commissione al primo Diritto d’iniziativa dei cittadini europei. Il mantenimento di alti standard dell’acqua potabile è una necessità per la salute pubblica, ma lo è anche mantenere l’UE all’avanguardia dello sviluppo tecnologico, della competitività e dell’innovazione. La Commissione Europea farà anche una proposta per incoraggiare ulteriormente l’assorbimento delle acque reflue urbane per l’agricoltura e per la ricarica delle falde acquifere sotterranee, mostrando che l’economia circolare può essere concretamente implementata in molti settori economici.

Quest’impegno si sposa perfettamente con il tema del 2017 della Giornata Mondiale dell’Acqua: Acqua e acque reflue.

La Commissione europea ribadisce il proprio impegno per una politica idrica ambiziosa ed è pronta a rafforzare ulteriormente il suo operato.

 

 COMUNICATO STAMPA – 22 Marzo 2017

L’acqua è troppo preziosa per essere sprecata

La Commissione Europea promuove nei Paesi UE i requisiti per un corretto riciclo dell’acqua

Ognuno di noi utilizza circa 200 litri di acqua al giorno. Nonostante questo significativo consumo, l’insufficienza d’acqua è stata riconosciuta come un problema a livello mondiale, così come la necessità di trovare delle soluzioni migliori per una corretta gestione delle risorse idriche.

Promuovere un uso sostenibile delle risorse idriche e un riciclo sicuro ed efficiente dell’acqua è una priorità fondamentale del Piano d’Azione dell’Economia Circolare della Commissione Europea. Per favorire l’implementazione di tecnologie sicure ed efficienti nel campo delle risorse idriche, la Commissione sta infatti sviluppando a livello Europeo dei requisiti minimi di qualità per il riciclo dell’acqua.

La scarsità d’acqua e la siccità sono problematiche sempre più rilevanti in tutta l’UE, sia in termini numerici che di intensità e, probabilmente, diventeranno ancora più gravi e frequenti in futuro.

La Giornata Mondiale dell’Acqua, che quest’anno avrà un particolare focus sulle acque reflue, è un momento che ci ricorda l’importanza di una gestione sostenibile delle risorse di acqua dolce.

Il trattamento e il riciclo delle acque reflue rappresentano un modo per affrontare la carenza d’acqua, allungando così il ciclo di vita e la preservazione delle risorse idriche. In aggiunta, queste misure correttive offrono una fornitura affidabile ed efficace di acqua alternativa, fornendo al contempo un grande potenziale per l’innovazione, la crescita e l’occupazione nell’UE.

Karmenu Vella, Commissario Europeo all’Ambiente, Affari Marittimi e alla Pesca, ha dichiarato: “Il più grande potenziale in relazione all’Economia Circolare risiede proprio nel riciclo delle acque reflue urbane trattate. Il riciclo delle risorse idriche non rappresenta solo l’occasione per affrontare il problema della scarsità a livello locale. Questa è anche un’opportunità economica per le aziende dell’Unione Europea. Il nuovo scenario che proponiamo incoraggerà un uso più ampio e sicuro di questa tecnologia e proteggerà le compagnie contro la carenza idrica e la volatilità dei prezzi. Le misure che vogliamo implementare permetteranno anche di creare posti ed opportunità di lavoro e di evitare impatti negativi sull’ambiente”.

A conferma dell’impegno della Commissione Europea nel promuovere politiche idriche ambiziose, il Vice Presidente Jyrki Katainen, il Commissario Karmenu Vella e il Commissario Phil Hogan, responsabile dell’agricoltura e dello sviluppo rurale hanno firmato una dichiarazione congiunta.

Il riciclo idrico nell’agricoltura

I requisiti minimi di qualità per il riciclo delle acque reflue trattate in tutta l’UE porterebbero vantaggi agli agricoltori e alle comunità locali. Il riciclo dell’acqua è un approvvigionamento idrico affidabile e flessibile in quanto non è influenzato dalla siccità stagionale e dalla variabilità meteorologica. Questa tecnologia è anche in grado di rispondere ai picchi di domanda di acqua. Gli agricoltori possono, pertanto, contare su un approvvigionamento continuo e affidabile di acqua anche durante il periodo di irrigazione, riducendo quindi il rischio di perdita del raccolto e di reddito. Il riciclo delle acque ha anche un impatto positivo sul valore del terreno, in quanto permette agli agricoltori di utilizzare i terreni situati in zone con problemi idrici[1]. I nutrienti presenti nelle acque reflue trattate possono anche ridurre la necessità di fertilizzanti supplementari, con un conseguente risparmio per gli agricoltori.

Contatti

Enrico BRIVIO; tel.: +32 2 295 61 72; email: Enrico.BRIVIO@ec.europa.eu 

Iris PETSA; tel.: +32 2 299 33 21; e-mail: Iris.PETSA@ec.europa.eu

Dati & Cifre

Evidenza 1

L’acqua è una risorsa preziosa e limitata. Sebbene il 72% della Terra sia ricoperta d’acqua, meno del 3% di questa acqua può essere usata per bere, per l’industria alimentare e per l’irrigazione agricola.

Evidenza 2

La scarsità d’acqua non è più un problema relegato a pochi angoli d’Europa: sta diventando piuttosto una preoccupazione per molti Stati membri dell’UE. Si prevede infatti che entro il 2030 la carenza e lo stress idrico interesserà la metà dei bacini d’acqua in Europa.

Evidenza 3

Il potenziale per la tecnologia di riciclo delle acque nell’UE è stimato a sei volte il suo volume corrente. Allo stato attuale, si stima che solo circa 1.100 milioni di m3 di acque reflue saranno trattati per essere riutilizzati nella UE ogni anno, mentre un volume dell’ordine di 6.000 milioni di m3 all’anno potrebbe essere raggiungibile entro il 2025 nel caso di incentivi normativi e finanziari più incisivi a livello europeo.

Per ulteriori dati e cifre, consultare la brochure sul riciclo dell’acqua

LA GIORNALE MONDIALE DELL’ACQUA

Ogni anno il 22 Marzo si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, iniziativa promossa per affrontare la questione della crisi idrica. Nel 1993, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha ufficialmente designato il 22 Marzo come la Giornata Mondiale dell’Acqua, attività che è coordinata da UN-Water in collaborazione con i governi e i vari partner.

Per sapere di più sul tema di quest’anno: le acque reflue.

[1] http://ec.europa.eu/environment/water/blueprint/pdf/EU_level_instruments_on_water-2nd-IA_support-study_AMEC.pdf

acqua

 

 

 

 

 

 

acqua

acqua



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009