Qualche accorgimento per migliorare la qualità dell’aria in casa

Di , scritto il 21 Marzo 2013

Con l’aumentare delle temperature il desiderio di spalancare le finestre per respirare aria pulita e frizzante aumenta, ma sta di fatto che per gran parte dell’anno e della nostra giornata ce ne stiamo in ambienti chiusi nei quali il microclima è mediamente tutt’altro che salubre, anche quando non ci sono fumatori in giro. Questo è dovuto a vari motivi, di alcuni dei quali spesso non siamo neppure consapevoli. Per esempio:
* temperatura troppo elevata: può favorire il proliferare di organismi come batteri e virus, specie in presenza di un alto tasso di umidità;
* presenza di polvere su mobili, pareti, pavimenti e tappeti, che viene spostata dalla correnti d’aria;
* detergenti per la pulizia della casa o il bucato le cui molecole continuano ad aleggiare nell’ambiente in assenza di un accurato arieggiamento dei locali; tra questi le sostanze più deleterie sono sicuramente acetone, ammoniaca, candeggina e alcol, estremamente irritanti per gli occhi e i polmoni. Per non parlare degli interferenti endocrini su cui abbiamo scritto un articoli di recente.

Qualche consiglio spiccio per evitare allergie ed altri fastidi fisici:
* fare uso di depuratori oppure di deumidificatori per migliorare la qualità dell’aria;
* tenere in casa alcune piante da appartamento;
* passare la scopa elettrica o l’aspirapolvere sui pavimenti almeno 3 volte la settimana, alternandoli con i panni catturapolvere (da passare ogni giorno);
* per l’arredo della casa, dei divani e dei letti, dare sempre la preferenza ai tessuti naturali rispetto a quelli sintetici, che attirano la polvere e la trattengono;
* spalancare spesso le finestre per arieggiare i locali, specialmente quando la luce solare è forte;
* dare la preferenza alle idropitture (ovvero alle vernici a base d’acqua) per le pareti di casa.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Qualche accorgimento per migliorare la qualità dell’aria in casa”
  1. Afro Cecchini ha detto:

    Hai pienamente ragione, spalancare le finistre perchè entri aria frizzante e pura. Mi fai proprio ridere. Sotto il mio naso passano dai cinquemila ai seimila VEICOLI al giorno, come faccio ad aprire le finestre. Tanti suggerimenti sono FORSE giusti, ma bisogna sempre valutare se sono attuabili. Saluti


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009