Come pulire e lucidare gli oggetti in cromo senza nuocere all’ambiente

Di , scritto il 20 Gennaio 2020

Per evitare che il cromo perda la sua lucentezza, deve essere pulito e lucidato regolarmente. Per raggiungere il risultato si può anche fare completamente a meno delle sostanze chimiche. In questo articolo vi mostreremo quali sono i prodotti più adatti.

Che si tratti di biciclette, cerchioni o accessori per sanitari, la cromatura conferisce a molti oggetti una finitura pregevole con la sua liscia lucentezza. Pur essendo questo metallo relativamente resistente, con il tempo le cromature possono diventare opache o appannate. Per evitare che ciò accada, si possono usare una serie di sostanze non inquinanti e poco costose.

Le macchie di calcare sono particolarmente comuni sui sanitari e sui rubinetti in cromo. Per liberarsene, si può ricorrere all’acido citrico. Basta metterne un po’ in una ciotola e usare un pennello per spazzolare fin nelle parti più difficili le superfici cromate calcificate. L’acido scioglie il calcare, e l’oggetto poi potrà semplicemente essere lucidato con un panno umido.

Le macchie di ruggine compaiono spesso sulle cromature di automobili, motociclette o biciclette. La Coca-Cola e altre bibite analoghe contengono acido fosforico, che a contatto con la ruggine reagisce e la dissolve. Bisogna dunque bagnare una spugna con la cola e sfregarla sulle parti cromate arrugginite, lasciandole bagnate per circa un’ora. A quel punto si può immergere di nuovo una spugna nella cola e lucidare il pezzo cromato fino a rimuovere completamente la ruggine.

Le impronte digitali sui rubinetti cromati non sono affatto belle a vedersi, ma si possono facilmente rimuovere con un po’ di aceto mescolato ad acqua (in pari quantità): dovete imbevere un panno pulito con la miscela e lucidare l’oggetto cromato con un movimento circolare.

Il cromo opacizzato può essere lucidato con un po’ di olio d’oliva. Basta mettere una piccolissima quantità di olio su un panno pulito e sfregare le superfici opache. In alternativa si può lucidare il cromo con una pasta a base di bicarbonato di sodio e acqua di semplicissima preparazione: mettete prima due o tre cucchiai di bicarbonato di sodio in una ciotolina, poi versate un po’ d’acqua mescolando costantemente fino a quando l’impasto non raggiunge una consistenza spalmabile. A quel punto si può stendere una parte della pasta su un panno morbido e strofinare sul cromo con movimenti circolari fino a sciogliere tutti i depositi. Infine, basta rimuovere i resti della pasta con un panno umido e lucidare il cromo con un panno morbido, pulito e asciutto.

Cliccate su questo link per scoprire come pulire l’argento, il bronzo, il ferro, l’oro, l’ottone e il rame con detergenti non inquinanti. Qui invece abbiamo parlato di come pulire vetri e specchi in maniera ecologica.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009