Need, bicicletta elettrica leggera e connessa alla Rete

Di , scritto il 14 Novembre 2016

need-bicicletta-elettricaNasce in Francia, una nazione molto all’avanguardia per la mobilità. Si chiama Need ed è una bicicletta elettrica prodotta dall’azionda Velair. Promette un’autonomia di 80 chilometri e una serie di funzionalità di connessione che consentono di localizzarla, gestire la pedalata assistita e ritrovarla mediante lo smartphone. Tutto questo per un oggetto davvero bello a vedersi e che pesa soltanto 14 chili (grazie al telaio in alluminio). Una due ruote che contribuisce a evitare di produrre gas serra negli spostamenti cittadini, oltre a evitare gli ingorghi nel traffico.

Nella bicicletta è installato un GPS e una connessione che permette di localizzarla su una mappa (questo, sia nel caso relativamente comune in cui il proprietario si sia dimenticato di dove l’ha parcheggiata che in quello meno auspicabile di furto). Con la stessa app da smartphone sarà possibile pilotare le tre modalità di assistenza alla pedalata mediante una connessione Bluetooth, ma ovviamente esistono anche dei pulsanti fisici per farlo direttamente dalla bicicletta. Infine, l’app permette di tenere d’occhio lo stato di carica della batteria e la cronologia dei chilometri percorsi, la velocità ecc.

La bicicletta Need è munita di una batteria da 36 Volt de 5,8 Ah che può offrire un’autonomia compresa tra i 50 e gli 80 chilometri: tutto dipende dal peso del conducente, dalla pendenza della strada e dalla modalità di assistenza richiesta alla pedalata. Un sistema recupera energia in decelerata e contribuisce a risparmiare energia elettrica. Al momento, la bicicletta Need è venduta nelle Galeries Lafayette di Parigi a un prezzo di 1650 euro.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009