Perché così tante alluvioni? Che cosa si può fare per difendersi?

Di , scritto il 22 Novembre 2010

Continua a piovere. E si guarda con apprensione ai corsi d’acqua che si gonfiano. Abbiamo ancora negli occhi il dramma che ha colpito il Veneto il mese scorso, l’alluvione derivata dalle quantità imponenti di pioggia caduta nelle province di Vicenza e Padova e altre recenti disastri causati di acqua e di fango.

Gli eventi alluvionali e le frane con tragiche conseguenze hanno sicuramente caratterizzato gli ultimi anni nella nostra penisola. La domanda è: sta accadendo qualcosa di straordinario, come conseguenza dei mutamenti climatici? Oppure durante la stagione autunnale è normale che le piogge siano così abbondanti e il disastro naturale è dovuto a cause che dipendono da fattori diversi rispetto alle precipitazioni?

In realtà, gli accadimenti attuali rientrano nella dinamica normale del territorio, nelle ‘normali’ piene autunnali dei fiumi. Il clima per ora entra solo in maniera molto marginale nella questione, anche se in futuro si prevede che la probabilità di eventi simili sarà sempre più alta. E’ difficile da accettare il fatto che fiumi e frane abbiano una loro dinamica, insita nel territorio e precedente a noi.

I nostri tempi sono caratterizzati da una forte mobilità, per cui la gente oggi va ad abitare in luoghi di cui non sa nulla, acquista villini con vista mare o vista montagna in un luogo che di fatto non conosce. Un tempo c’era un passaggio generazionale di conoscenza ed esperienza del territorio che impedivano certe ingenuità. E quando si acquista una casa in un’area chiamata “Stagni di xx”, “via della Melma”, “via delle Basse”, “Alluvioni Cambiò”, qualche riflessione maggiore sarebbe d’uopo. Per lo meno bisognerebbe preoccuparsi di verificare che tutte le opere di prevenzione in quella zona siano state attuate.

Non possiamo fidarci molto della memoria per valutare la quantità delle precipitazioni: per esempio, nel 1966 la quantità di pioggia caduta sul Veneto fu ancora maggiore. Quello fu anche l’anno dell’alluvione di Firenze. Ma da cinquant’anni a questa parte, è cambiato in maniera considerevole il territorio: negli anni ’60 l’urbanizzazione interessava poco più dell’1% del territorio, mentre oggi siamo prossimi al 10%. Abbiamo concentrato una grande quantità di edifici di ogni dimensione e infrastrutture (strade, ferrovie) che aumentano la vulnerabilità. L’espansione urbanistica enorme degli ultimi vent’anni ha portato al cosiddetto sprawl urbano, cioè a una dispersione di una miriade di abitazioni, mischiate ai capannoni, strade, parcheggi, supermercati, centri commerciali, rotonde. Questa nuova conformazione del territorio accresce enormemente la vulnerabilità, nel senso che, a parità di acqua che fuoriesce dai fiumi, ci sono più cose da distruggere. E accresce anche il rischio di alluvione perché queste zone impermeabilizzate dal cemento, fanno da canale per l’acqua esondata e ne aumentano la velocità di deflusso, impedendo la fisiologica infiltrazione nel suolo.

Sta di fatto che oggi quasi la metà degli italiani oggi vive in zone a rischio medio-alto. Così, oltre al dramma umano, ci sono i costi altissimi della ricostruzione, il blocco delle attività lavorative per mesi, se non per sempre.

Ci sono cose che si possono fare praticamente? Per l’immediato, paratie agli infissi ed evitare di lasciare macchinari o materiale prezioso al piano terra delle abitazioni. Ma ovviamente bisogna fare di più. Finora l’atteggiamento è stato quello di ricorrere a provvedimenti tampone quando il danno è già stato fatto. Bisognerebbe cambiare completamente registro per quanto riguarda la manutenzione del territorio, ovvero la messa in sicurezza del medesimo. Si tratta di un’opera enorme e capillare al tempo stesso, dove i fondi dovrebbero essere non sparsi a pioggia, ma concentrati dapprima nelle aree a rischio prioritario. Dal punto di vista della pianificazione si conosce già tutto, ma si tratta di far collaborare istituzioni e autorità di bacino a livello di prevenzione.

Inoltre, bisognerebbe avere il coraggio di smettere di costruire nei luoghi dove è il fiume a ‘comandare’. Esistono delle carte che descrivono le fasce a rischio dei fiumi, ma nessuno è disposto ad accettare che la linea di demarcazione passi proprio sul proprio terreno, perché quella semplice segnalazione gli fa perdere di valore.

Un altro livello su cui si può lavorare è quello della formazione culturale del popolo: rimuovere il problema dalla mente non serve a nulla. Bisogna riuscire a parlare del rischio senza per questo essere considerati degli iettatori, ma analizzare i dati, lavorare sulla cartografia e capire che, quando il rischio esiste, conviene – come già fanno molti paesi – delocalizzare con esproprio d’ufficio.

A questo fine, vale la pena di vedere un film-documentario gratuito su Internet, intitolato Il suolo minacciato. La pellicola mette in evidenza come l’espansione edilizia e delle infrastrutture sta rubando troppi ettari di suolo un tempo dedicati all’agricoltura. Il film analizza cause e costi del problema e propone modelli alternativi di sviluppo urbano, facendo tesoro dell’esperienza di altri paesi europei e di alcuni comuni italiani virtuosi.


1 commento su “Perché così tante alluvioni? Che cosa si può fare per difendersi?”
  1. […] accumularle in vasche dove poi servono per l’irrigazione durante il resto dell’anno. Il pericolo alluvioni nel nostro paese incombe come una spada di Damocle, soprattutto perché con i cambiamenti climatici […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009