Frigorifero: gli errori da evitare per non sprecare energia elettrica e cibo

Di , scritto il 20 Giugno 2018

Il frigorifero è un elettrodomestico che deve necessariamente funzionare 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno: per questo è essenziale non commettere errori basilari nel suo utilizzo per evitare che si moltiplichino i germi, si sprechi energia e si rovini il cibo in esso conservato. Ecco gli errori più comuni.

* Riporre cibo umido nel frigorifero: alcune persone lavano frutta e verdura subito dopo averle acquistate: non è una cattiva idea, se si ha l’accortezza di asciugare accuratamente il cibo prima di metterlo al fresco. Infatti con l’umidità muffe e germi possono formarsi più velocemente.
* Mettere nel frigorifero il cibo sbagliato: alcuni alimenti semplicemente non ne hanno bisogno, altri addirittura vengono danneggiati dal freddo. Ecco che cosa si non dovrebbe conservare al freddo: pomodori, olio d’oliva, pane, agrumi, patate, aglio e cipolle.
* Non riempire correttamente il frigorifero: non ogni posto al suo interno è ugualmente adatto per garantire la lunga conservazione di tutti i cibi. Inoltre, un frigorifero adeguatamente riempito consuma anche meno energia. In generale, l’aria calda tende a salire, pertanto, i vani superiori sono un po’ meno freschi rispetto ai compartimenti inferiori. Di conseguenza, nella parte bassa dovrebbero stare i cibi più deperibili come carne, salumi e pesce; nella centrale i prodotti a base di latte come formaggio e yogurt. Per uova, burro e margarina, che non richiedono temperature particolarmente basse vanno bene le zone superiori o il cassetto. Frutta e verdura vanno negli appositi cassetti, possibilmente evitando gli imballaggi di plastica che producono condensa e muffa.
* Lasciare il frigorifero troppo pieno o troppo vuoto: se è troppo pieno, l’aria non può più circolare tra i singoli alimenti, che si rovinano più velocemente. Se invece è troppo vuoto si scalda più velocemente quando la porta viene aperta. L’ideale è dunque un frigorifero ben fornito, ma non affollato, con spazio a sufficienza per la circolazione dell’aria.
* Mettere del cibo caldo nel frigorifero.
* Selezionare una temperatura sbagliata: molti dei nostri frigoriferi sono troppo freddi e provocano uno spreco inutile di energia e denaro. Una regola empirica abbastanza valida: se il burro non è spalmabile, vuol dire che il livello della temperatura è troppo basso. Per il freezer, la regolazione ideale è -18 °C: basta un grado in meno per provocare circa il 6% in più di consumo energetico.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009