Anche l’Atlantico ha la sua grande chiazza di immondizia

Di , scritto il 15 Dicembre 2010

Alla Conferenza Internazionale sui Cambiamenti Climatici di Cancun, in Messico in extremis è stato trovato un accordo abbastanza equilibrato, una prima intesa dei paesi del mondo su come fronteggiare il problema dei gas serra e come combattere insieme la lotta al cambiamento climatico.

Ma purtroppo è anche emerso in maniera preoccupante il sempre più grave problema dell’inquinamento di mari, dovuto soprattutto a rifiuti di plastica. Già si sapeva della Great Pacific Garbage Patch o Pacific Trash Vortex (Grande chiazza di immondizia del Pacifico), l’enorme accumulo di spazzatura galleggiante (costituito soprattutto da materiale plastico) situato nell’Oceano Pacifico. Ma ora anche l’Oceano Atlantico è in pericolo: è stata recentemente scoperta la North Atlantic Garbage Patch, un’area di rifiuti plastici lunga 15 milioni di km e profonda 10 metri.

La chiazza, causata da una convergenza delle correnti oceaniche, si trova vicino le isole Bermuda, e si estende dalla Virginia fino a Cuba.

A scoprirla è stato il team di scienziati della Sea Education Association in collaborazione con altri istituti oceanografici come il Woods Hole Oceanographic Institution e l’Università delle Hawaï, che hanno annunciato ufficialmente la scoperta sulla rivista Science. Durante le ricerche in mare, ricercatori e studenti hanno trovato 200.000 frammenti di polietilene e polipropilene per chilometro quadrato, che purtroppo i pesci tendono a scambiare per plancton e ingeriscono con conseguenze disastrose per l’intero ecosistema marino e per la salute dell’uomo che di pesce si nutre.

La plastica è un materiale particolarmente dannoso per l’ecosistema marino, in quanto mette a rischio la sua biodiversità: decomponendosi in mare rilascia sostanze tossiche per gli animali che vivono nell’oceano.

Ma, viene spontaneo chiedersi: qual è la situazione nel Mediterraneo? Il 20% dell’inquinamento nel Mare Nostrum proviene dalla plastica e il dato è estremamente allarmante. Ma per il momento non esistono fenomeni di aggregazione come quelli notati negli oceani, grazie al fatto che non ci sono forti correnti che raccolgono la spazzatura in un’isola galleggiante.


5 commenti su “Anche l’Atlantico ha la sua grande chiazza di immondizia”
  1. […] più volte parlato sulle nostre pagine del nostro blog dei Garbage Patch e dei Trash Vortex, costituiti dalla plastica frantumata e concentrata dalle correnti in […]

  2. […] grandi, con una media di 46.000 frammenti per ogni chilometro quadrato. Abbiamo già parlato delle conseguenze sull’ecosistema della plastica dispersa in mare. Fortunatamente iniziano a manifestarsi le prime iniziative per riciclare questo tipo di plastica: […]

  3. […] più volte parlato sulle nostre pagine del nostro blog dei Garbage Patch e dei Trash Vortex, costituiti dalla plastica frantumata e concentrata dalle correnti in […]

  4. […] più volte parlato sulle nostre pagine del nostro blog dei Garbage Patch e dei Trash Vortex, costituiti dalla plastica frantumata e concentrata dalle correnti in […]

  5. […] sul gravissimo problema dell’inquinamento di mari, dovuto soprattutto a rifiuti di plastica. Il Pacific Trash Vortex (vortice di spazzatura del Pacifico) è il nome dato all’immensa zona dell’Oceano […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009