Come dovrebbero prepararsi le città ai cambiamenti climatici?

Di , scritto il 06 Novembre 2021


È quasi un’ovvietà dire che, a causa del mutamento climatico del pianeta, gli eventi meteorologici estremi stanno diventando più frequenti. Piogge intense e devastanti, fiumi che esondano, estati calde e secche. Gli effetti di tali sconvolgimenti toccano da vicino anche le città. Che devono prepararsi – e farlo in fretta.

Molte città non sono preparate per fronteggiare gli eventi estremi perché alle nostre latitudini le piogge torrenziali e le ondate di calore erano rari, e non ne è stato tenuto conto nella pianificazione urbana. Per questo le città sono molto densamente costruite, senza corridoi o spazi che consentano scambi d’aria. In una superficie ad alta densità di cemento il calore si accumula sempre di più e durante la notte la temperatura non scende poiché Il calcestruzzo, l’asfalto e la pietra immagazzinano il calore durante il giorno e lo rilasciano di notte.

Inoltre spesso le città non sono ben preparate per le piogge intense e le inondazioni. Il problema è che in queste aree l’acqua non può defluire completamente. Il sistema fognario non è costruito per far fronte a tali masse liquide e il suolo difficilmente può assorbirne una parte a causa dell’impermeabilizzazione delle superfici con cemento o asfalto.

Strategie urbane per mitigare l’impatto del clima

Le principali iniziative per far fronte al cambiamento climatico consistono nella creazione di spazi verdi nelle aree pubbliche, che aiutano tanto nel raffreddamento dell’aria quanto nell’assorbimento dell’acqua piovana in eccesso. Ogni area disponibile, inclusi i tetti e le pareti degli edifici, dovrebbe essere dedicata alla piantumazione di alberi, piante e arbusti. Gli alberi di grosse dimensioni infatti fanno ombra e qualsiasi tipo di vegetale aiuta nell’evaporazione dell’umidità, contribuendo a rendere l’aria più fresca. Altra iniziativa importante sarebbe la sostituzione delle pitture delle facciate scure degli edifici con colori chiari, che riflettono meglio la luce solare e si riscaldano meno.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009