La High Line di New York: un esempio di come recuperare le vecchie ferrovie

Di , scritto il 03 Ottobre 2013

High Line New YorkUno dei percorsi più insoliti e interessanti per chi ha trascorso qualche giorno a New York negli ultimi anni è costituito dalla High Line, la vecchia ferrovia sopraelevata del 1930 che è stata trasformata in giardino. Al momento questo parco lineare si estende per circa 1,6 chilometri tra Gansevoort Street e 30th Street, ma esiste già un progetto per estenderla in direzione settentrionale fino alla 34th Street, nel West Village. L’antica linea della metropolitana, abbandonata nel 1980, aspettava da decenni di essere riscoperta e di trovare un ruolo nuovo nella vita della città. Ristrutturata in forma conservativa, la High Line è oggi uno spazio verde adatto al passeggio e testimonia di come conservare e rinnovare siano divenute le parole d’ordine della città negli ultimi decenni.

Insieme alla Promenade Plantée di Parigi, costituisce un esempio di come sia possibile recuperare i vecchi tracciati ferroviari in piena città e realizzare sulla loro superficie giardini, piste pedonali e ciclabili. Tutto questo senza procurare spese ingenti all’amministrazione comunale, anzi, contribuendo a rivalutare gli immobili della zona e a riqualificare il quartiere. Il successo della High Line di New York City ha incoraggiato altre città a recuperare vecchie infrastrutture ferroviarie e a trasformarle in parchi: tra queste Philadelphia, St. Louis e Chicago.

1 commento su “La High Line di New York: un esempio di come recuperare le vecchie ferrovie”
  1. […] giardini rialzati sono di gran moda nelle città di tutto il mondo. Ma a differenza di progetti come l’High Line di New York, il giardino di Qianhai è costruito da zero, invece di riutilizzare delle vecchie infrastrutture. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009