Una cantinetta 100% naturale da coltivare in giardino!

Di , scritto il 29 Marzo 2011

A prima vista sembra un graticcio per rampicanti, invece è un portabottiglie. Sì, avete capito bene: proprio una rastrelliera in cui potete riporre in posizione orizzontale le vostre migliori bottiglie millesimate.

Uno articolo a dir poco originale, vivo (come capirete in seguito) che piacerà a chi nella vita ha tre passioni: il fai-da-te, il giardinaggio e l’amore per il vino. La creazione è frutto dell’ingegno dell’artista e designer inglese Lois Walpole, che ha studiato sul progetto per ben quattro anni. L’articolo rientra infatti in una collezione di oggetti per la casa costruiti con il legno di salice sviluppati a Londra presso i prestigiosi e splendidi Giardini Botanici Reali di Kew.

Come potete capire, si tratta di un oggetto totalmente sostenibile, che per un certo periodo deve essere coltivato e poi, anche se secca, rimane solido. Il portabottiglie si costruisce incastrando 22 rami di salice vivo. Ma attenzione: ci vorranno due o tre anni prima che la pianta cresca e si saldi a sufficienza per poi essere portata in casa. Qui potrà sostenere fino a 10 bottiglie. Si possono piantare i rami in un grande vaso oppure nel terreno, preventivando bene il successivo trasporto.

La pianta sarà splendida per tutto l’anno, produrrà i tipici “gattini” pelosi in primavera, sarà verdissima d’estate e con la corteccia colorata in inverno.

Il kit intero, acquistabile presso il sito inglese EcoCentric per 31,64 sterline (circa 40 euro) contiene i 22 rami di salice della lunghezza predefinita e 16 metri di materiale per legarli. Il pacco misura 130 x 20 x 20 cm e pesa 2 chilogrammi.

Chissà che a qualcuno di voi non venga voglia di imitare l’idea…



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009