Per ovviare alla moria degli insetti in Cina arrivano gli “uomini-ape”

Di , scritto il 28 Aprile 2014

impollinazione a manoQuesta notizia che arriva dalla Cina farebbe sorridere se non fosse agghiacciante. L’inquinamento, la deforestazione e soprattutto l’uso improprio di fertilizzanti e pesticidi hanno sterminato la quasi totalità delle api e così i contadini cercano di correre ai ripari con l’impollinazione manuale. I frutteti, soprattutto le coltivazioni di meli, sono popolati da uomini-ape, costretti ad arrampicarsi sugli alberi e a impollinare a mano ogni singolo fiore. A fare cioè il lavoro che, da che mondo e mondo e fin a non molto tempo fa era eseguito a titolo gratuito e senza fatica dalle api e altri insetti impollinatori. Gli insetti operosi sono stati decimati dall’eccesso di sostanze chimiche usate nelle coltivazioni agricole: sappiamo bene che il fenomeno ha proporzioni preoccupanti anche negli USA e in Europa, ma nella Cina della crescita totalmente sregolata ha assunto dimensioni catastrofiche. E così ora in alcune regioni il 95% dei fiori devono essere fecondati a mano con opportuni pennelli. Il tempo a disposizione dei coltivatori è breve (soltanto due settimane) e sono milioni le persone impiegate per sostituire le api – reclutate con paghe bassissime, ma che crescono con il crescere incessante della domanda. Il rischio di non farcela è sempre in agguato: un uomo-ape impollina 20 alberi al giorno, mentre uno sciame ne farebbe 200.


2 commenti su “Per ovviare alla moria degli insetti in Cina arrivano gli “uomini-ape””
  1. […] a look at the man bee that in China pollinates the fruit trees, and also the sentence for Château Monestier La Tour for […]

  2. […] uomini-ape che impollinano gli alberi da frutto in Cina, alla condanna di Château Monestier La Tour per […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009