Yarn bombing: arte di strada per un mondo più bello e colorato

Di , scritto il 27 Agosto 2014

Yarn bombingDal punto di vista ambientale ed ecologico, il fenomeno dello yarn bombing ha un certo valore, poiché riesce ad abbellire quartieri e zone metropolitane degradate non con vernici e pitture come il classico graffitismo, ma mediante un “bombardamento di filati”. In pratica, con la copertura di parti architettoniche e arredi degradati, ma anche ringhiere e monumenti con colorati manufatti a maglia o all’uncinetto.

Sono abili artigiane contemporanee dalle mani d’oro quelle che sferruzzano e annodano con sapienza vecchi gomitoli e rimasugli di lana e cotone lanciando a tutti un messaggio che è al tempo stesso gioco, denuncia e creatività – un po’ come il guerrilla gardening fa con i fiori e le piante, tanto per intenderci.

La rinnovata attenzione il lavoro all’uncinetto o ai ferri sono oggi più vivi e moderni che mai e sono decisamente positive dal punto di vista del riciclo dei materiali tessili ed ecocompatibili come il cotone e la lana. Ben venga quindi la nascita di tanti Knit café lungo tutta la Penisola, luoghi di aggregazione femminile dove tra un dritto e un rovescio, una catenella, un punto alto e un punto basso si confezionano capi di abbigliamento, arredi e accessori molto fashion, più ecosostenibili dei capi prodotti industrialmente e che arrecano molta soddisfazione alle creatrici.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009