Una pompa a sifone per riciclare l’acqua e annaffiare il giardino

Di , scritto il 25 Agosto 2011

Sapevate che un irrigatore da giardino può utilizzare nel giro di un’ora la stessa quantità di acqua che una famiglia di quattro persone consuma in un giorno? Non stupisce se le amministrazioni comunali d’estate vietano l’utilizzo di acqua per tenere verdi i giardini. Tempo fa insistevamo sull’importanza di raccogliere l’acqua piovana e di certo non abbiamo cambiato idea nel frattempo. Anzi, abbiamo trovato un nuovo attrezzo che piacerà agli appassionati di giardinaggio che non vogliono in alcun modo sprecare acqua preziosa. Si tratta di una pompa a sifone che consente di riutilizzare l’acqua “di seconda mano” prodotta in casa oppure l’acqua piovana raccolta in giardino. Supponiamo che abbiate la vasca del lavello piena di acqua praticamente pulita, ovvero in cui non siano stati sciolti detersivi o saponi di alcun tipo. Per esempio, l’ultima acqua di risciacquo dell’insalata. E’ sufficiente immergere un’estremità del tubo nel contenitore dell’acqua, schiacciare la pompa un paio di volte e lasciare che inizi l’assorbimento del liquido. Chiudere il rubinetto e poi portare l’altra estremità dal tubo flessibile (lungo 3 metri) lì dove è necessario, lasciando che la forza di gravità faccia fuoriuscire l’acqua.

Questa pompa manuale non sporca e può anche essere utilizzata per svuotare i contenitori dell’acqua piovana, per sturare gli scarichi del lavandino. Una volta usata, si ripone in poco spazio ed è sempre pronta all’uso.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009