Che cos’è la tecnica agricola del Waru Waru

Di , scritto il 24 Agosto 2011

Per una sperimentazione scientifica, a partire dal 1984 oltre 4000 ettari di terreno situati sulle rive del lago Titicaca (tra Bolivia e Perú) sono stati coltivati riesumando una tecnica agricola vecchia di almeno 2300 anni, sviluppata dai Quechua prima della nascita dell’impero Inca. Questa tecnica è chiamata con il nome indigeno di waru waru (oppure waru warn o, in castigliano, camellones). Per comprenderla è necessario premettere che intorno al grande lago, estese zone sono periodicamente soggette a inondazioni e successiva erosione e impoverimento del terreno a causa delle rilevanti variazioni stagionali del livello delle acque del lago.

Il waru waru consiste nella realizzazione di una serie di terrapieni separati da canali idrici sul terreno pianeggiante che circonda il lago. In altri termini, si creano delle aree di terreno coltivabile più elevate utilizzando la terra scavata da suoli vicini. Le aree elevate saranno sempre coltivabili e mai sommerse perché l’acqua debordante dal fiume non riesce a raggiungerle e a eroderle. I canali rimangono invece pieni di acqua, derivata dalle precipitazioni, dalla falda freatica oppure dal vicino fiume. In questo modo, da un lato si assicura la costante irrigazione dei terreni durante la stagione secca, dall’altra se ne impedisce il congelamento durante l’inverno grazie alla mitigazione della temperatura portata dall’umidità (da 1 a 2° C). Nei primi 15 anni in cui è stata applicata, l’antica tecnica ha di fatto consentito di triplicare i raccolti a costi irrisori.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009