Ovetto: la pattumiera stilosa per riciclare meglio

Di , scritto il 23 Ottobre 2012

La maggior parte dei siti web che trattano di prodotti per l’arredamento amici dell’ambiente propone al pubblico l’acquisto della pattumiera Ovetto, che noi abbiamo trovato in questi giorni sul sito Made In Design con uno sconto di ben il 25% a tutti coloro che si iscrivono sul sito con una vendita esclusiva.

Niente a che vedere con le vecchie e grossolane pattumiere del passato: questo è un contenitore per la raccolta differenziata dei rifiuti dall’aspetto futuristico, capace di contenere discreti volumi di materiale, ma con un ingombro assai contenuto grazie alla sua forma ovale, come ricorda proprio il nome. La struttura consente di avere tre scomparti differenti: per la carta, per la plastica e per l’indifferenziata, individuabili dai colori diversi dei coperchi. In alto al centro si trova uno schiacciabottiglie di plastica. Le dimensioni dell’oggetto sono: 84 cm di altezza e 45 cm di diametro, con capacità totale di 90 litri, suddivisi in 3 scomparti da 30 litri.

Il contenitore è stato progettato dall’architetto Gianluca Soldi per un comodo movimento girevole a 360° ed è realizzato in polipropilene riciclato fino al 60%, oltre che spedito mediante imballaggio in cartone riciclato e bioplastico. Ma non finisce qui: oltre a trattarsi di un oggetto molto ecologico sia nella forma che nel contenuto (è il caso di dirlo) ed esteticamente molto trendy, la pattumiera Ovetto è anche un oggetto con un’origine “solidale”, in quanto viene fabbricata in laboratori di riabilitazione italiani.

1 commento su “Ovetto: la pattumiera stilosa per riciclare meglio”
  1. Maria Antonietta ha detto:

    Stupendo e funzionale


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009