Raggi UV: tecnologia all’avanguardia per la disinfezione di superfici, aria e acqua rispettando l’ambiente

Di , scritto il 23 Settembre 2013

camera-UVI raggi ultravioletti UV  sono parte della luce in senso ampio e presentano un forte potere germicida, in particolare le radiazioni UV-C che esercitano il loro effetto distruttivo sul DNA di batteri, virus, spore, funghi, muffe ed acari impedendone la crescita e il proliferare. In modo del tutto ecologico, senza ricorrere a disinfettanti chimici dannosi sia per la salute degli operatori che dell’ambiente, sofisticate apparecchiature a raggi UV irradiano superfici, l’aria e l’acqua assicurandone una perfetta disinfezione.

Pensiamo a settori dove la disinfezione al 100% da batteri e virus è di fondamentale importanza, come il settore alimentare e quello farmaceutico, i tubi germicidi delle lampade alimentate a raggi UV-C, attraverso una tecnologia all’avanguardia, riescono a sterilizzare ambienti e superfici, senza utilizzare agenti chimici, che rappresentano anche un notevole costo per le aziende.

I raggi UV sono dei potenti strumenti germicidi assolutamente ecologici e presentano una vastità di campi d’impiego, dai purificatori d’aria  negli impianti di condizionamento, per avere aria sempre sana all’interno di luoghi chiusi, spesso causa di proliferazione di batteri e virus per un cattivo funzionamento del sistema di ricircolo dell’aria,  alle cappe aspiranti nelle grandi cucine industriali, contro gli odori e i grassi, ai debatterizzatori UV per acqua.

Una tecnologia innovativa e versatile che sfrutta l’energia solare per assicurare una disinfezione ottimale, con un notevole risparmio in termini di costi di manutenzione salvaguardando l’ambiente.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009