Come risparmiare sul condizionatore d’estate

Di , scritto il 23 Giugno 2016

CondizionatoreArriva la stagione calda e con essa aumentano anche i consumi. L’energia elettrica adoperata per alimentare i nostri cari condizionatori è tanta e può pesare anche per più di 100 euro sul conto energetico annuo. L’assorbimento energetico degli apparecchi per l’aria condizionata è influenzato certamente dall’età dei dispositivi e conseguentemente dalla loro classe energetica.

Da una comparazione con SosTariffe.it emerge che rinfrescare l’abitazione non ha sempre lo stesso costo. Prediligere delle tariffe energia elettrica piuttosto che altre o optare per un gestore piuttosto che un altro può fare effettivamente la differenza. Si pensi che 3 componenti che utilizzano gli elettrodomestici di base come forno elettrico, lavatrice e frigorifero a parità tra giorno e sera o weekend possono spendere nella migliore delle ipotesi 420 euro all’anno. La stessa famiglia che dovesse usare anche il condizionatore vedrebbe la spesa salire, sempre nella migliore delle ipotesi, a 530 euro. Euro più, euro meno. Qualora la famiglia avesse ancora una tariffa del mercato di maggior tutela pagherebbe probabilmente ancora di più. Quindi la prima regola per risparmiare in estate così come durante tutto l’anno è accertarsi che la tariffa applicata sia effettivamente la migliore, ovvero quella che meglio risponde alle esigenze di consumo specifica della famiglia.

Spesa energetica: dito puntato contro il condizionatore
Va detto che non è solo il condizionatore a influire sulla maggior spesa elettrica in estate. Anche le più basse temperature del frigorifero, l’utilizzo di ventilatori e le maggiori esigenze di raffreddamento degli apparecchi elettronici ad esempio partecipano all’innalzamento della bolletta. Certo è che tra questi effettivamente il condizionatore rappresenta l’apparecchio più dispendioso. Ecco perché è importante adottare una serie di accorgimenti.

Tra le cose fondamentali da fare vi è la pulizia dei filtri. Il condizionatore per funzionare ha bisogno di aspirare aria che poi raffredda e rilascia nell’ambiente. Se questo passaggio è ostruito l’energia richiesta è maggiore e di conseguenza aumentano anche i consumi. Effettuare pulizie periodiche aiuta anche a tenere lontani eventuali acari che si depositano e che vengono poi rilasciati nell’ambiente creando non pochi danni alla salute.

Verificare la classe energetica è un altro aspetto fondamentale. Purtroppo i vecchi apparecchi non in classe A+ o superiore hanno un assorbimento energetico anche del 30% superiore rispetto ai modelli più recenti. In questo caso a seconda delle disponibilità vale la pena effettuare un acquisto in maniera saggia piuttosto che valutare la sostituzione.

L’utilizzo delle impostazioni di timer con giudizio può aiutare ulteriormente a mantenere la bolletta entro certi limiti. Durante la notte la nostra temperatura corporea scende, sfruttando ciò, quindi si può prevedere lo spegnimento o l’abbassamento della potenza del condizionatore almeno nelle ore centrali della notte. Qualora il caldo non fosse così forte si può usare la funzione di deumidificazione che da sola potrebbe alleviare con un consumo nettamente inferiore.

Il buon senso vince sulla bolletta
Rimane inteso che sono prima di tutto i comportamenti a fare la differenza. Evitare sprechi è fondamentale: educazione e accorgimenti forse banali giocano un ruolo centrale. Non lasciare porte aperte se il condizionatore è in funzione, non adoperare il condizionatore se nessuno è in casa per un lungo periodo, regolare la temperatura senza esagerare sono accortezze tanto semplici quanto efficaci. L’installazione di apparecchi per la misurazione del consumo energetico aiutano ancor più ad adottare comportamenti più intelligenti. Si tratta di sistemi di misurazione economici che vanno installati sul contatore e che in tempo reale mostrano quanto si sta spendendo. Alcuni gestori elettrici hanno iniziato a proporli assieme alla sottoscrizione di alcune offerte, in attesa che vengano sostituiti tutti i contatori Enel. Da quel momento si apriranno nuove possibilità di monitoraggio comodamente dai dispositivi mobili comunemente utilizzati come tablet e smartphone.


2 commenti su “Come risparmiare sul condizionatore d’estate”
  1. […] E se proprio non potete rinunciare al condizionatore, almeno scoprite come risparmiare nel suo utilizzo. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009