‘Per non scoprirlo mangiando’, di Maria Caramelli: un libro sulla sicurezza alimentare

Di , scritto il 23 Maggio 2013

Per non scoprirlo mangiando è il titolo del nuovo volume di Maria Caramelli, direttrice dell’Istituto zooprofilattico di Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria. Un libro sulla sicurezza alimentare nel nostro Paese, uscito un paio di mesi fa per i tipi di Instar Libri.

Conosciamo molto poco riguardo al cibo sulle nostre tavole eppure i cibi contaminati sono spesso la causa di intossicazioni, malattie – anche con esito fatale.

Il lavoro tocca in modo esaustivo vari argomenti che interessano non soltanto gli operatori del settore agroalimentare libro, ma anche i consumatori, raccontando con serietà e vivacità tutti i principali scandali alimentari degli ultimi anni: dalla mozzarella blu (peraltro innocua) all’Escherichia Coli O104 presente in particolari germogli che invece ha mietuto molte vittime. Dalla frode della carne di cavallo ai parassiti del pesce crudo.

I rischi a livello alimentare sono in crescita, soprattutto a livello biologico (sotto forma di virus e batteri la cui diffusione è favorita dal processo di globalizzazione e da nuove abitudini dei consumatori), nonostante il nostro Paese sia tra i più efficienti dal punto di vista dei controlli. Il consumatore deve diventare sempre più consapevole, imparando a leggere senza ingenuità le etichette, controllando che le confezioni siano integre, conservando i prodotti alimentari nella maniera più congrua e usando l’intelligenza in cucina (per esempio, evitando di consumare pesce crudo senza averlo opportunamente surgelato per almeno 24 ore).


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009