Auto elettriche e ibride: la nuova frontiera anche dell’automobilismo sportivo

Di , scritto il 19 Marzo 2015

Formula EDalla città alle competizioni sportive, le auto elettriche ed ibride sembrano non avere più limiti

Le auto elettriche e ibride potrebbero essere il futuro della mobilità. Considerate da molti come una delle soluzioni più efficaci per limitare i danni ambientali, le auto elettriche ed ibride sembrano aver raggiunto degli ottimi livelli in termini di prestazioni e consumi. Anche i costi dell’assicurazione sembrano essere piuttosto contenuti. Un fattore quest’ultimo non di poco conto, soprattutto se si pensa che in Italia l’assicurazione auto rappresenta un argomento particolarmente spinoso. Infatti molti automobilisti, prima di scegliere la compagnia, tendono a mettere le assicurazioni auto presenti sul mercato a confronto, per scegliere la formula più conveniente.

Le auto elettriche scendono in pista
Nel corso degli ultimi anni molte case automobilistiche hanno incentrato le loro attività di ricerca sul miglioramento delle prestazioni dei veicoli elettrici, cercando di ideare nuove soluzioni che potessero perfezionare i veicoli ed ampliare anche i loro campi di utilizzo. La Formula E rappresenta infatti la prima competizione sportiva in cui gareggiano esclusivamente veicoli elettrici.

Tra i principali promotori di questi iniziativa ci sarebbe anche il noto Richard Branson, il miliardario britannico con la grande passione per l’automobilismo. Attualmente impegnato negli studi sulla propulsione alternativa tramite la Virgin Racing, la scuderia di sua proprietà coinvolta nella nuova Formula E, Branson ritiene che entro pochi decenni le auto elettriche e i veicoli ibridi potrebbero sostituire del tutto i veicoli a benzina.

La Formula E rappresenta infatti un importante traguardo per molte case automobilistiche. Infatti molte case hanno condotto negli ultimi anni studi e ricerche per creare veicoli in grado di abbattere le emissioni di gas inquinanti, senza tralasciare le prestazioni di guida. Un percorso lungo e faticoso, che riscuote finalmente i primi successi e che lascia ben sperare in un futuro più “green”.

La mobilità nel futuro
Lo stesso Branson è convinto che nel corso di soli dieci anni ci sarà il definitivo abbandono dei veicoli a benzina, rendendo così più concreta l’idea di un pianeta meno inquinato. Le competizioni sportive potrebbero infatti rappresentare il primo passo verso questo ambizioso progetto, un modo per spingere tutte le altre case automobilistiche a concentrare sempre più i loro sforzi e le loro risorse, verso la creazione di soluzioni più vicine alle esigenze del mercato e dell’ambiente.

Sebbene la mobilità elettrica abbia fatto il suo debutto con l’esperienza ibrida della Formula 1, l’avvio delle competizioni sportive della Formula 3 sembrano rappresentare l’inizio di una nuova era, più concentrata ad ampliare le potenzialità di queste innovative forme di mobilità. Proprio dai laboratori delle competizioni automobilistiche potrebbero arrivare le soluzioni per garantire una maggiore autonomia, ridurre drasticamente i tempi di ricarica e scoprire strade alternative per abbattere del tutto le emissioni inquinanti prodotte dai mezzi di trasporto del futuro.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009