Stanza degli abbracci: una novità per parenti e ospiti nelle RSA

Di , scritto il 18 Dicembre 2020

Per Natale gli ospiti delle tantissime Residenze Sanitarie per Anziani e i loro parenti potrebbero ricevere un regalo che aspettavano da tanti mesi: potersi rivedere e, addirittura, abbracciarsi. È finita quindi la pandemia? No assolutamente, ma c’è un’importante novità che permette, alle RSA che hanno deciso di installare una determinata struttura, di far incontrare dopo tanti mesi gli anziani che si trovano in suddette strutture dopo tanti mesi con i loro cari.

Gli anziani ospitati all’interno delle strutture loro dedicate non incontrano i loro cari ormai dal mese di marzo, ovvero da quando è iniziata la pandemia: troppi i rischi, infatti, per loro di contrarre il virus ricevendo le visite di parenti che vengono da fuori della struttura.

Per ovviare a questo problema e permettere questo tanto desiderato incontro, è nata quella che viene ormai denominata “la stanza degli abbracci”, struttura che l’azienda Sport Promotion di Torino è stata la prima a produrre e immettere sul mercato: per ulteriori informazioni su questa tipologia di struttura è possibile visitare il sito al seguente url gonfiabili-pubblicitari.

La struttura consiste in una camera gonfiabile che permette di far incontrare la persona ricoverata all’interno della struttura con il parente tramite una tenda trasparente; può essere installata sia all’interno che all’esterno della residenza sanitaria per anziani a seconda del modello che si decide di installare e permette anche, tramite delle maniche realizzate all’interno della tenda, di abbracciarsi. Chiaramente la struttura rispetta tutte le norme relative alla prevenzione del Covid e non permette alcun contatto diretto fra il ricoverato e il parente che lo va a visitare.

Prima di entrare è infatti necessario osservare dei protocolli in termini di igiene e sicurezza per evitare che possano entrare all’interno di essa persone che possano essere positive al covid 19 anche se asintomatiche; una volta entrate è possibile, tramite la tenda di gomma, vedere il proprio caro e abbracciarlo tramite gli spazi appositi destinati alle braccia.

In un periodo così complesso e difficile per tutti, sicuramente si tratta di una novità estremamente interessante e in grado di regalare un sorriso e dei momenti indimenticabili a persone che probabilmente non speravano mai più di incontrare i loro cari e di rivederli ancora.

Ovviamente, avvicinandosi anche il Natale, si tratta di qualcosa di ancora più gradito in quanto le persone ricoverate avrebbero dovuto vivere questo momento dell’anno ancora in solitudine e quindi in un clima di tristezza e malinconia.

Da quando le prime strutture sono state installate in alcune RSA (la prima a Castelfranco Veneto), tante case di riposo in regioni diverse (Veneto, Liguria, Piemonte, Emilia Romagna, etc) per anziani hanno deciso di installare la stanza degli abbracci e permettere alle persone di incontrarsi e trascorrere dei momenti spensierati e di gioia insieme.

In un momento così drammatico e incerto, si tratta sicuramente di una delle poche buone notizie e che sicuramente renderanno meno triste un Natale che di allegro ha ben poco: sperando sempre che qualcosa cambi nei prossimi mesi.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009