Interferenti endocrini: il decalogo dell’Istituto Superiore di Sanità

Di , scritto il 17 Dicembre 2013

Interferenti endocriniTorniamo a parlare di interferenti endocrini, le sostanze chimiche di uso abituale che danneggiano la tiroide e altre ghiandole del nostro sistema endocrino, tra cui le ghiandole riproduttive. Gli anglosassoni li chiamano endocrine disruptors, e il termine rende bene l’idea della “distruzione”, dei danni che possono arrecare sia al soggetto che ai suo figli. Questi composti hanno nomi complessi come bisfenoli, ftalati, parabeni – ma sono più diffusi di quanto pensiamo. Si trovano in molti cosmetici e prodotti per l’igiene personale, ma anche nelle parti in plastica di molti dispositivi medici usati negli ospedali. Si trovano anche nel food packaging, ovvero nei contenitori o nelle pellicole che servono per proteggere il cibo.

E’ in corso un progetto europeo sotto l’egida dell’Istituto Superiore di Sanità per individuare queste sostanze e sostituirle con altre innocue. Ma alcune regole pratiche sono applicabili da tutti: ad esempio, non bisognerebbe riutilizzare i contenitori in plastica concepiti come monouso (ad esempio, le bottiglie dell’acqua o delle bibite). Sono da evitare i vecchi biberon in policarbonato (ormai fuori commercio), le parti carbonizzate degli alimenti. Le padelle antiaderenti con la superficie danneggiata o scalfita dovrebbero essere utilizzate al minimo o evitate del tutto. Sono regole semplici, ma possono ridurre molto l’effetto degli EDC.

Mascherine in pronta consegna

4 commenti su “Interferenti endocrini: il decalogo dell’Istituto Superiore di Sanità”
  1. […] con cui curiamo la nostra pelle. Per ulteriori approfondimenti, si veda il nostro articolo sugli interferenti endocrini. Di fatto, condurre una vita che evita il contatto con i composti chimici è tutt’altro che […]

  2. […] come conservanti in deodoranti, dentifrici e creme idratanti. Secondo molti studi si tratta di interferenti endocrini e con molta probabilità anche di sostanze cancerogene. * Nanoparticelle: sono particelle di […]

  3. […] come conservanti in deodoranti, dentifrici e creme idratanti. Secondo molti studi si tratta di interferenti endocrini e con molta probabilità anche di sostanze cancerogene. * Nanoparticelle: sono particelle di […]

  4. […] come conservanti in deodoranti, dentifrici e creme idratanti. Secondo molti studi si tratta di interferenti endocrini e con molta probabilità anche di sostanze cancerogene. * Nanoparticelle: sono particelle di […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009