Se la grafite è sostituita da sabbia, la batteria dura il triplo

Di , scritto il 17 Luglio 2014

batteria sabbiaI ricercatori dell’Università della California Riverside hanno annunciato un’importante scoperta, che potrebbe portare allo sviluppo e produzione di batterie agli ioni di litio estremamente economiche e amiche dell’ambiente. Il segreto di tutto ruota intorno a un materiale semplice come la sabbia, costituita principalmente da quarzo (ovvero, diossido di silicio). Finora, il materiale utilizzato per costituire l’anodo è sempre stato la grafite, ma questo materiale ha dei limiti di sfruttamento sempre più facilmente superati dai potenti device elettronici di cui ci serviamo quotidianamente. Il silicio su nanoscala è un materiale che potrebbe sostituire la grafite, ma purtroppo si degrada rapidamente ed è difficile produrlo in grosse quantità.Ci sono però dei tipi di sabbia che contengono alte percentuali di quarzo che, opportunamente purificate e mescolate a sale e magnesio ad alte temperature si trasformano in silicio puro (perché il sale assorbe il calore e il magnesio elimina l’ossigeno dal quarzo). Questo nono-silicio si presenta sotto forma di un oggetto tridimensionale con una consistenza simile a quella delle spugne, la cui porosità è proprio l’elemento che migliora le prestazioni delle batterie in cui esso viene impiegato. Potrebbe trattarsi di batterie per i veicoli elettrici, ma anche per cellulari e smartphone. I brevetti della scoperta sono già stati depositati.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009