I pericoli del triclosano, antibatterico dannoso per salute e ambiente

Di , scritto il 16 Novembre 2017

Il triclosano (nome IUPAC: 5-cloro-2-(2,4-diclorofenossi) fenolo) è un derivato del fenolo con proprietà antibatteriche, la cui struttura chimica è simile a quella della diossina. Da un anno a questa parte questa sostanza è stato bandita negli Stati Uniti dall’agenzia FDA perché potenzialmente rischioso per la salute umana. Secondo alcuni studi procurerebbe delle interferenze con il sistema endocrino (contribuendo a patologie come infertilità, pubertà precoce, obesità) e farebbe insorgere allergie e delle pericolosissime resistenze agli antibiotici. Inoltre l’Environmental Protection Agency ha classificato il triclosano fra i pesticidi considerandolo come estremamente inquinante per l’ambiente.

Il triclosan viene utilizzato come antibatterico in saponi per il corpo e gel doccia, deodoranti, dentifrici “antibatterici” e collutori, deodoranti in crema o stick, salviettine e detergenti intimi. Molti dei prodotti sugli scaffali dei nostri supermercati contengono triclosano, purtroppo anche per uso pediatrico.

Prima dell’utilizzo (ma anche dell’acquisto) conviene sicuramente controllare rapidamente l’etichetta e optare per prodotti diversi (molti produttori si stanno adattando) – tenendo presente che l’uso di acqua e sapone tradizionale non è meno efficace dei saponi antibatterici, che tra l’altro sono del inutili per la prevenzione delle malattie causate da virus come l’influenza.


1 commento su “I pericoli del triclosano, antibatterico dannoso per salute e ambiente”
  1. Alessandro ha detto:

    Ne abbiamo parlato anche con il chimico Fabrizio Zago in occasione di una sua conferenza
    https://www.youtube.com/watch?v=ffaC9rVa0VY


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009