Come costruire una scatola “acchiappa-pipistrelli” o bat box

Di , scritto il 16 Giugno 2015

bat boxUna casetta-rifugio per pipistrelli, più conosciuta con l’espressione inglese bat box è un’utile soluzione naturale contro zanzare e insetti fastidiosi che spesso rovinano la nostra estate. Infatti, essendo i pipistrelli mammiferi alati insettivori, hanno la capacità di liberare giardini, orti e spazi urbani da questi animaletti. Recenti ricerche dimostrano che la tutela dei pipistrelli in Europa comincia a dare frutti tangibili.

Per realizzare una bat box sono necessarie delle tavole di legno dello spessore di 20 mm in legno marino (che resiste anche all’inverno), oppure in legno compensato (anche di scarto) che sicuramente è più economico. Altri strumenti indispensabili sono: martello, sega, cacciavite, una raspa (o lima da legno). Quando ho realizzato la mia prima bat box per la mia casa in Sardegna ho avuto la fortuna di imbattermi nel fornito negozio Ottimax dove sono disponibili moltissimi ottimi articoli di falegnameria e bricolage e che presto aprirà anche in altre città d’Italia.

Tornando a noi, i pipistrelli sono animali sempre più rari soprattutto in città e per questo applicare queste “box” alle pareti esterne della casa oppure al balcone o anche su un albero in giardino, può essere un mezzo davvero utile per attirarli. L’importante è che la bat box sia posizionata ad almeno 4 metri da terra. La scatola non è solamente utile per liberarci da insetti e parassiti nocivi ma è anche un ottimo metodo per tutelare questa specie a rischio estinzione, permettendo ad alcuni esemplari di utilizzare uno spazio sicuro e confortevole per la riproduzione e per il periodo invernale. Forse non tutti lo sanno ma i pipistrelli sono tra i pochi volatili che non costruiscono nido: infatti si rifugiano in genere nelle cavità degli alberi, tra le rocce o in altri nascondigli inaccessibili ad altri uccelli. Per questo anche la bat box deve avere un’entrata molto piccola (in genere si attirano infatti i pipistrelli di piccole dimensioni) e avere possibilmente un interno ruvido per far sì che essi possano attaccarsi con gli artigli.

Negli anni passati molti comuni italiani hanno realizzato queste piccole strutture per le loro città con ottimi risultati. Un esempio su come costruire nel dettaglio lo fornisce ad esempio il comune di Brescia con questo pdf.

Allora cosa aspettate? Armatevi di pochi strumenti e tanta pazienza e costruite qualcosa di utile per voi, per l’ecosistema e per gli amici pipistrelli!

4 commenti su “Come costruire una scatola “acchiappa-pipistrelli” o bat box”
  1. […] Per aiutare i pipistrelli, preservando al contempo le coltivazioni, può essere utile collocare delle bat box, ovvero dei nidi artificiali intorno alle case di campagna e lungo i filari delle culture. Per scoprire come costruirne una da soli leggete questo nostro articolo. […]

  2. marco ha detto:

    Certo, Gianni, mica basta Bat ci vuole anche Man. Noi non possiamo dimenticarci, di togliere le zone d’ombra e lasciare all’incuria tutta una serie di spazi dove le zanzare in poche ore si riproducono. Acqua stagnante in abbondanza, grondaie non pulite, edera e piante infestanti ovunque (al posto di limitarle), eccessivo uso di prodotti chimici, eliminazione di piante ed animali che servono al normale ciclio alimentare … questi sono solo alcuni dei motivi per cui ci sono insetti come le zanzare e tafani che ti danno fastidio.

    Poi se vivi in una zona dove non vengono controllati canali, laghi e laghetti .. allora avrai tante zanzare.
    Certo bisogna saper ben posizionare costruire la bat house altrimenti non ci vanno a vivere… Ma tu come fai a saperlo che non ci vanno a dormire li?

  3. Gianni ha detto:

    la mia bat box è lì da 2 anni, ma di pipistrelli neanche l’ombra.. e le zanzare ci distruggono…

  4. Stefano Demarchi ha detto:

    Bellissimo articolo, i pipistrelli sono animali utilissimi, purtroppo però sono spesso vittime di sciocche superstizioni e paure.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009