L’importanza di investire nel settore vivaistico

Di , scritto il 15 Luglio 2021
Settore vivaistico

Da anni aumenta la consapevolezza che una delle poche soluzioni alla nostra portata per attenuare il riscaldamento globale sono le foreste, che permettono il raffrescamento dell’aria e la prevenzione del riscaldamento delle superfici. L’interrogativo che però rimane vivo è il seguente: dove trovare le decine di milioni di piante necessarie per realizzare l’obiettivo? Al giorno d’oggi l’offerta del settore vivaistico non è in grado di avvicinarsi neppure lontanamente al numero necessario di alberi per rimpiazzare quelli morti o abbattuti.  

Le cause di questa condizione sfavorevole sono principalmente la carenza di superfici utilizzabili per le piantagioni, una forza lavoro non sempre adeguata, la mancanza di contratti di dimensioni e durata sufficienti per giustificare gli ingenti investimenti per l’ampliamento di un vivaio. Infatti gli alberi impiegano dai 3-4 anni fino a 6-7 anni per arrivare alla minima dimensione vendibile e può essere difficile prevedere la domanda del mercato con così tanto anticipo. Gli investimenti invece devono essere immediati. Il risultato è che i proprietari dei vivai di solito coltivano ciò che è necessario per adempiere ai contratti già in essere, e sono molto cauti nel pianificare l’impianto di nuove superfici.

Ampliare la produzione vivaistica in tempi brevi sarà difficile. Eppure le foreste urbane e periurbane sono indispensabili per la mitigazione del clima. La forestazione di nuove aree potrebbe compensare milioni di tonnellate di carbonio emesso ogni anno e contribuire a ridurre l’inquinamento atmosferico nelle città. Inoltre, potrebbe fornire acqua pulita e ridurre il rischio di decessi dovuti al calore. Ogni milione di euro investito nella capacità e nelle operazioni dei vivai sostiene, mediamente, da 14 a 48 posti di lavoro, a seconda della nazione. Molti lavori di riforestazione si trovano poi in aree rurali economicamente depresse, dove è improbabile che si verifichi un’espansione economica senza strategie esplicite.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009