Passamano: le tante iniziative green del “non-negozio” di Bolzano

Di , scritto il 13 Dicembre 2013

PassamanoBolzano è da sempre una città modello dal punto di vista dell’ecosostenibilità. Non stupisce che sia nato qui Passamano, il primo “non-negozio” d’Italia, ovvero un negozio del dono e del riciclo, ubicato in via Rovigo 22/C. Vestiti, scarponi da sci, stoviglie – qui si trova di tutto. Nel negozio, chiunque lo desidera può portare quello che non usa e prendere ciò che gli serve, senza pagare – anche se ovviamente i contributi sono bene accetti. Gli articoli ovviamente devono essere in ottimo stato, puliti e funzionanti e non si possono prendere più di cinque oggetti a testa la settimana, per evitare che qualcuno approfitti della situazione. Il funzionamento si basa sul lavoro di una trentina di commessi volontari e ha visto il suo successo crescere nel tempo. Ha avuto particolare riscontro la sezione Passalibri, in cui si possono prendere gratuitamente un massimo di 5 volumi. I più richiesti sono i libri scolastici e i dizionari monolingui e i bilingui, molto cercati dagli studenti che spesso non possono permettersi di acquistarli nuovi.

Ora il Passamano si “espande” con nuove iniziative, come Second Art, un’officina creativa in cui da materiali dismessi si possono creare nuovi oggetti, ideali anche come regali di Natale. Le idee di eco-design che si trovano tra gli scaffali sono sorprendenti: avreste mai pensato che dei copertoni per biciclette possono diventare delle belle cinture da pantaloni o che un vecchio snowboard può costituire la seduta di una panchina da giardino?

Un’altra iniziativa interessante consiste nell’organizzare una volta al mese in varie piazze di Bolzano la Festa degli ingombranti, in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente e l’azienda per la nettezza urbana. Chiunque può prendere il mobile o l’elettrodomestico che serve e portare quello non gli serve più. Per chi non ha mezzi propri, è previsto il ritiro a domicilio gratuito.

I prossimi progetti sono una collaborazione con una cooperativa sociale, che porterà nuovi spazi di lavoro e nuove opportunità. La speranza è di passare da un lavoro di esclusivo volontariato alla creazione di posti di lavoro.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009