Sul fotovoltaico la Puglia batte tutti

Di , scritto il 13 Agosto 2010

Esattamente due anni fa, la Puglia era la prima regione del Sud, ma solo la quinta in Italia per quanto riguardava lo sviluppo del settore fotovoltaico. Oggi, nel 2010, è in prima posizione, davanti a quattro regioni del Nord (Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto) che, pur essendo meno ‘baciate dal sole’ sembrerebbero più propense alla ricerca di fonti energetiche alternative rispetto alle regioni meridionali. Il dato è ancora più rilevante se si pensa che questa regione supera addirittura la Cina per densità di installazioni e produzione annua di energia derivante da fotovoltaico.

Tutto bene, fin qui. Ma c’è un lato che gli ambientalisti tengono ben presente: i pannelli solari stanno rapidamente prendendo il posto di vigneti e uliveti e sono stati incastonati in quelli che un tempo erano dei panorami mozzafiato. Ai coltivatori, dal punto di vista economico conviene enormemente sostituire le colture agricole con gli impianti per conto delle aziende del fotovoltaico. Così, le distese agricole della Puglia si stanno trasformando in campi di specchi, con milioni di cavi di gomma. Il dibattito è molto accesso tra gli agricoltori: meglio cedere alle tentazioni della modernità oppure conservare le tradizioni agricole?

Per ora i limiti stabiliti dalla legge non sono stati superati, ma è sicuramente necessario trovare un punto di equilibrio tra esigenze di sviluppo e rispetto del territorio.


1 commento su “Sul fotovoltaico la Puglia batte tutti”
  1. […] elettrica. La regione con la più spiccata vocazione solare è la Puglia (ne abbiamo parlato qui), grazie alla posizione geografica e alla legislazione locale particolarmente favorevole. Ma il […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009