Come arredare una cucina nel massimo rispetto dell’ambiente

Di , scritto il 13 Giugno 2016

Cucina ecologicaState mettendo su casa o ristrutturandola e volete un arredamento il più possibile ecofriendly? Ecco alcune idee su come scegliere gli elementi costitutivi di una cucina.

* Optate per mobili e pensili in legno. E’ la tendenza del momento, mentre fino a qualche anno fa si preferiva la formica. Scegliete un legno con certificazione PEFC o FSC, ovvero prodotto in foreste a gestione sostenibile. In questo ambito si trovano cucine in legno massello, oppure placcato – decisamente meno costoso. Ma consigliamo di optare per i prodotti classificati come E1, una norma tedesca che certifica le più basse emissioni di formaldeide. Da evitare mobili o piani di lavoro in legno ricoperto di vernice, che può contenere solventi tossici. E se proprio volete strafare, potete anche optare per una cucina interamente costruita in Paper Stone.
* Gli altri materiali da preferire se si ha a cuore l’ambiente sono vetro e acciaio inox (entrambi non nocivi e riciclabili) e poi la pietra naturale (grès, basalto, ardesia – che danno un aspetto più rustico alla cucina). Da evitare invece i polimeri (ovvero le plastiche di origine petrolchimica), i compositi (mescole di materiali sintetici e minerali) e i pannelli stratificati per i piani di lavoro (sono pannelli a base di legno sui quali sono incollati vari strati di carta kraft impregnati di resine sintetiche).
* Per quanto riguarda l’acquisto di elettrodomestici da cucina (frigorifero, forno, lavastoviglie, cappa aspirante, forno a microonde), assolutamente da preferire quelli indicati dalle etichette come “classe A” o, ancora meglio “classe A+”, più costosi all’acquisto ma risparmiosi in seguito.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009