Abiti in polietilene: ecologici, traspiranti ed economici

Di , scritto il 12 Maggio 2021
Abiti in polietilene

Con il termine polietilene ci si riferisce alla plastica con cui un tempo venivano realizzati i classici sacchetti del supermercato. A causa della sua idrorepellenza questo materiale non è mai stato utilizzato per la realizzazione di capi d’abbigliamento. Ma un gruppo di ricercatori è riuscito ad andare controtendenza creando un tessuto in PE (polietilene) traspirante, economico ed ecologico. Per la prima volta, quindi, gli abiti in polietilene faranno il loro ingresso nel mercato tessile.

L’innovativo tessuto in polietilene è prodotto da fibre filate e tessute con le macchine tipiche dell’industria tessile e non necessita di rivestimenti chimici. Come dicevamo sopra, una delle sue caratteristiche più interessanti è il fatto di essere traspirante. Infatti, i ricercatori sono partiti da questo materiale grezzo in polvere che hanno poi fuso per realizzare sottili fibre da intessere. Una volta filate e tessute è stata misurata la capacità di assorbimento del tessuto, che è risultato più traspirante del cotone. Durante il procedimento, il materiale ossidandosi varia la sua tensione superficiale diventando idrofilo ovvero in grado di attrarre le molecole d’acqua. 

Ponendo ancora a confronto gli abiti in polietilene con il cotone, è emerso che sono addirittura più ecologici. Quando è ancora in polvere, questo tessuto, viene tinto a secco consentendo di risparmiare acqua e sostanze chimiche aggressive. Inoltre, al termine del ciclo, fondendo le fibre di polietilene si ricava un nuovo PE da utilizzare. Un abito di questo materiale può essere lavato a freddo e per un tempo ridotto: dieci minuti a 10 °C a differenza dei sessanta minuti a 60 °C solitamente necessari per i vestiti in cotone.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009