Inventata in Scozia la Borsa del materiale edile di scarto

Di , scritto il 11 Marzo 2014

Construction Material Exchange borsa materiale edileQuando le idee sono buone e amiche dell’ambiente l’imitazione diventa una virtù. E’ il caso dell’iniziativa presa nell’ambito del progetto scozzese Zero Waste: è stata messa a punto una piattaforma chiamata Construction Material Exchange tool (strumento online per lo scambio di materiale edile), che consente alle aziende di mettere a disposizione materiale come mattoni, tubi, pallet, gesso, tegole, manufatti in cemento e simili che non useranno più, che non possono immagazzinare e che non vogliono mandare in discarica (per i quali è sempre necessario pagare). L’elenco dei materiali può essere postato online, scambiato con altra merce oppure venduto. Ovviamente, è anche possibile pubblicare l’annuncio per la ricerca del materiale che invece si sta cercando.

Chi lo desidera può dunque creare un account sul sito e mettersi alla ricerca di materiali da costruzione disponibili nella sua zona. Il vantaggio è per tutti: il venditore guadagna (e risparmia sul conferimento dei rifiuti), l’acquirente paga la merce meno del solito, la società ha meno rifiuti da smaltire e le discariche non si riempiono con milioni di metri cubi di materiali edili.

Queste “borse” materiali o “camere di compensazione” in cui la domanda e l’offerta si incontrano permettendo il recupero e il riutilizzo di materiale che altrimenti andrebbe sprecato sono altamente auspicabili anche nel nostro Paese, e non soltanto nel settore edile.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009