Cassette delle frutta, elemento green e vintage nell’arredare la casa

Di , scritto il 10 Settembre 2019
cassette della frutta

Arredare la casa, ormai, è diventata una vera e propria forma d’arte, in cui l’ingegno di ogni singolo individuo fa letteralmente la differenza. Alcuni oggetti che, storicamente, non erano destinati al decoro abitativo, oggi, invece, rappresentano talvolta un vero e proprio non plus ultra nell’arredamento della casa. E sono in grado di modificare la percezione dell’intero nucleo abitativo, avvicinandolo sensibilmente allo stile ricercato dal padrone di casa. In questo contesto, un oggetto come le cassette della frutta, storicamente utilizzate col solo scopo di trasportare un alimento indispensabile per la vita di ogni cittadino, sono in grado di rappresentare degli stravaganti e moderni elementi d’arredo.

Cassette delle frutta: un tocco vintage e moderno al tempo stesso per la casa

Questo oggetto, infatti, è molto ricercato da coloro che cercano di dare quel tocco in più di vintage, assai di moda in quest’epoca, alla propria abitazione o una porzione della stessa; d’altronde, arredare con uno stile vintage alcuni angoli di un’abitazione prettamente in stile moderno, risulta spesso particolarmente gradevole all’occhio.

Le cassette della frutta, oltretutto, sono estremamente economiche, anche se richiedono dimestichezza col “fai da te” per trasformarle in oggetto di arredamento.

In questo caso, prima di mettersi al lavoro, è indispensabile dare uno sguardo a Ferramenta24h.it ed acquistare, ai prezzi più bassi di qualsiasi altro portale presente sulla rete, quegli strumenti di cui non disponiamo per creare, ad esempio, una scarpiera con le cassette della frutta.

La realizzazione di una scarpiera è sicuramente chic ed alla moda, in grado di risaltare, particolarmente, alcuni contesti come quelli in cui è presente una pavimentazione in parquet.

Un’idea estremamente originale, che richiede, tuttavia, alcuni accorgimenti nell’assemblaggio. Oltre alla levigazione, è consigliabile verniciare le cassette con un colore a propria scelta, al fine di renderle facilmente spolverabili.

Le cassette della frutta sono riciclate per creare diversi “mobili” di una stanza assai importante, quella nella quale si trascorrono, spesso, la maggior parte delle ore: la camera di letto.

In questo ambiente, infatti, si possono ricavare tastiere del letto o comodini, oltre che divenire utili e funzionali librerie. Un oggetto, di fatto, poliedrico, che può creare una sensazione di “calore”ambientale assai gradevole in periodi dall’anno come quelli autunnali ed invernali.

Un tocco green al proprio salotto: come creare un tavolino con le cassette delle frutta

Particolare attenzione, però, va prestata in presenza di bambini: in tal caso, è indispensabile levigare la superficie con carta vetrata, per evitare che le schegge si possano staccare e creare tagli. Uno degli utilizzi più frequenti, però, riguarda la creazione di tavolini a rotelle, magari da inserire in un contesto come quello del salotto di casa.

Al posto del classico tavolino in vetro, quello creato con le cassette delle frutta fa risaltare maggiormente lo spirito green del padrone di casa, senza rinunciare al gusto e allo stile.

La creazione richiede tempo e dedizione. Normalmente, servono quattro cassette da assemblare perpendicolarmente fra loro, su una base in legno alla quale, in precedenza, sono state applicate delle rotelle.

Le cassette della frutta, inoltre, vengono utilizzate per creare degli stuzzicanti divisori ambientali, assai utili in contesti come quelli moderni, dove la zona giorno ingloba salotto e cucina in un unico ambiente.

La verniciatura, anche in questo caso, riveste un ruolo di fondamentale importanza per non deturpare l’ambiente casalingo. Se le pareti sono bianche, colore predominante nei muri delle famiglie italiane, dipingerle del medesimo colore consente di mantenere un elevato standing estetico e di rendere meno invasiva la presenza del divisorio.

Come arredo di complemento, le cassette possono riscontrare il gusto anche di chi ha un “pollice verde” particolarmente sviluppato. Esse, infatti, possono essere riciclate come fioriere, dove curare piccole piante e fiori senza dover ricorrere all’acquisto di composti in plastica, che non rispettano, di certo, canoni di compatibilità ambientale come il legno.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009