Come fare il bucato in lavatrice inquinando meno

Di , scritto il 09 Novembre 2010

Un uso eco-consapevole della lavatrice deve cominciare da un’estrema attenzione al consumo energetico. Innanzi tutto con la scelta o la sostituzione dell’elettrodomestico: una lavatrice di classe energetica A consuma fino alla metà di quelle vecchie e riduce di molto le emissioni di CO2.

Inoltre, conviene preferire i cicli economici, non fare partire il lavaggio se non a pieno carico, evitando gli inutili dispendi di prelavaggio e asciugatura. Grazie alle tariffe biorarie oggi come oggi è meglio fare funzionare la lavatrice in fascia serale e nel weekend.

Ma è anche sul fronte dei detersivi che si può fare molto per evitare danni all’ambiente. Infatti i detersivi tradizionali contengono composti chimici che inquinano molto e vengono spesso impiegati in quantità eccessiva.

Oggi vorremmo consigliarvi alcuni prodotti alternativi da usare nella lavatrice, per esempio una spugna che protegge la lavatrice dalla formazione di calcare e in questo modo ne allunga il ciclo di vita. La vedete qui sotto:

Inserita nel cestello insieme agli indumenti da lavare, trasforma l’acqua “dura” in acqua dolce senza rilasciare sostanze chimiche. In questo modo si elimina il calcare nell’acqua, si risparmia sul consumo di detersivo e si elimina del tutto l’utilizzo dell’ammorbidente. La spugna è utilizzabile per 120 lavaggi.

Nella foto sopra vedete invece le sfere EcoballsTM, che sostituiscono i normali ed estremamente inquinanti detersivi per lavatrice con  un sistema innovativo per lavare i capi, che non danneggia l’ambiente e fa risparmiare acqua. Le sfere sono costituite da ossidi minerali, una sostanza ipoallergenica e dalle  proprietà antibatteriche. L’articolo viene venduto con tre ricariche (ognuna delle quali dura per 1000 lavaggi) e un tubetto di smacchiatore speciale totalmente biodegradabile.

Infine vi presentiamo Pratika, un sistema di lavaggio che  permette di lavare e centrifugare in lavatrice i capi delicati anche di colori diversi senza rovinarli, risparmiando così tempo, acqua ed energia. Le buste sono adatte per capi in pura lana e cashmere, e addirittura per gli indumenti con strass, paillettes e altre applicazioni particolari.

Sempre valido il consiglio di sfruttare la capacità del bicarbonato di sodio di addolcire l’acqua, impedendo che il calcare si depositi sulle fibre dei tessuti, migliorando così l’azione del detersivo e ritardando il formarsi di incrostazioni nella lavatrice. Dovete quindi ricordare di aggiungere a ogni lavaggio un cucchiaio di bicarbonato nella vaschetta insieme al detersivo abituale.


2 commenti su “Come fare il bucato in lavatrice inquinando meno”
  1. […] già parlato di come fare il bucato inquinando meno. Oggi approfondiamo il discorso con alcune dritte per il lavaggio dei capi e la manutenzione della […]

  2. Tiziana ha detto:

    L’idea della spugna da inserire nel cestello perchè protegge la lavatrice dalla formazione di calcare è davvero super.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009