Consumo consapevole di energia: le migliori tariffe “green”

Di , scritto il 09 Maggio 2016

energia greenTra i fattori che spingono a scegliere un operatore piuttosto che un altro non ci sono più solo affidabilità e prezzo. Anche il rispetto per l’ambiente gioca la sua parte.

Nel mercato libero dell’energia gli operatori cercano di differenziare le loro proposte commerciali formulando prezzi aggressivi, sviluppando nuovi servizi utili per l’utente, offrendo maggior flessibilità con tariffe biorarie e perfino triorarie. Ma non è solo una questione di soldi e risparmio.

La nuova “buona” tendenza è volta a garantire la provenienza dell’energia da fonti rinnovabili o almeno offrire la certezza che venga effettuata una compensazione rispetto al consumo.

Cosa significa Energia Verde?
Quando il nostro gestore specifica che l’energia è verde significa che proviene da fonti rinnovabili (come il sole e il vento) senza l’utilizzo di combustibili fossili. Il vantaggio va ovviamente all’ambiente che non viene inquinato da gas serra e altri residui di produzione. A tal proposito gli operatori seri offrono la massima trasparenza circa la gestione del processo.

La garanzia massima si ha d’innanzi alla certificazione di Garanzia d’Origine rilasciata dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE). Quest’ultimo organismo conduce numerose verifiche sugli impianti dedicati alla produzione di energia rinnovabile ma anche sulle modalità con cui sono effettuati gli allacciamenti alla rete. A tal fine esistono ulteriori accordi di qualifica dei produttori. Gli impianti che rispettano le direttive sono considerati a pieno titolo rispettosi del GO (ovvero della Garanzia di Origine) sull’energia elettrica che questi impianti immettono in rete.

Cosa si intende per compensazione?
Gli operatori producono generalmente energia con varie modalità. Tra queste purtroppo vi è anche l’utilizzo di oli combustibili o comunque altre modalità che non possono essere considerate “green”. Per non arrecare eccessivo danno all’ambiente e poter dichiarare di fornire energia verde, i gestori possono adottare meccanismi di compensazione. Il cliente che sceglie una tariffa o un’opzione volta ad offrire energia pulita può star certo che ogni kWh che acquista viene bilanciato da una stessa quantità di energia proveniente da una fonte rinnovabile. I titoli GO visti in precedenza hanno un valore di 1 MWh e possono essere acquistati e scambiati dagli operatori attraverso un portale dedicato. Questa compravendita rappresenta il cuore del meccanismo di compensazione.

Quali sono le offerte green nel mercato?
Effettuando una ricerca con il noto comparatore di offerte SosTariffe.it e cercando le migliori offerte energia elettrica rispettose dell’ambiente troviamo:
-Vantaggio Verde Luce di Gas Natural (bioraria)
-Prezzo Netto Natura Web Luce di HeraComm (sia in versione monoraria che bioraria)
-E-light di Enel (bioraria)
Queste sono solo alcune delle offerte presenti sul mercato. Si tratta di quelle che permettono di risparmiare di più, simulando l’utilizzo per una famiglia di 3 componenti che utilizzano gli elettrodomestici di base (forno elettrico, lavatrice e frigorifero) concentrando il consumo in orari serali e weekend e con una stima di 2690 kWh annui consumati. La spesa in questo modo è di circa 430 euro sui 12 mesi e garantisce un risparmio di quasi 50 euro rispetto a quanto pagherebbe con l’offerta del mercato di maggior tutela senza contare eventuali ulteriori vantaggi rappresentati da bonus extra e servizi offerti a titolo gratuito. Con queste tariffe a risparmiare non è solo la famiglia ma anche l’ambiente. Tutte queste offerte sono infatti green e prevedono l’erogazione di energia da fonti rinnovabili o l’applicazione di quei meccanismi di compensazione che abbiamo visto.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009