Poliuretano: è pericoloso per la salute?

Di , scritto il 07 Gennaio 2014

poliuretanoIl poliuretano è un polimero presente in moltissimi prodotti industriali e di uso quotidiano: lo si trova nelle vernici, nei rivestimenti e negli adesivi e integrato con altri materiali per renderli più rigidi. Scoperto dal professor Otto Bayer negli anni 30 nelle sue ricerche per trovare un buon sostituto della gomma naturale, si rivelò come una delle sostanze plastiche più adatte a sostituire in maniera economica una miriade di materiali costosi o rari, grazie alle sue proprietà di alta densità, flessibilità e durezza.

Per la resistenza all’acqua e alle sostanze chimiche, la capacità di assorbire energia come un cuscino è utilizzato per la fabbricazione di materassi, divani, cuscini, sedili per auto, ma anche per le suole delle scarpe e per i cinturini degli orologi. Il poliuretano espanso flessibile è invece molto utilizzato per l’isolamento termico.

Negli strumenti elettronici le parti in poliuretano servono per costruire una scocca resistente all’abrasione, agli urti e alle basse temperature. Grazie all’alta galleggiabilità, sono costruiti in poliuretano anche i gommoni e molte parti delle barche.

Ma quali sono gli effetti del poliuretano sulla salute umana?
Le ricerche hanno rivelato che gli isocianati contenuti nei materiali in poliuretano sono composti potenzialmente dannosi per i polmoni: a lungo andare l’esposizione a queste sostanze può causare irritazioni ai polmoni e asma. L’incenerimento del poliuretano e il contatto con i fumi che ne derivano può anche causare irritazioni della pelle e alcune forme di emicrania. Per evitare di inalare il poliuretano, conviene inoltre areare a lungo i locali in cui si utilizzano vernici, pitture e finiture per pareti o per il legno.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009