Greenrail: la traversa ferroviaria che recupera energia al passaggio dei treni

Di , scritto il 06 Marzo 2014

GreenrailQuella che vedete qui accanto è una traversa, l’elemento di giunzione dei binari ferroviari, di solito in legno o in cemento. Per la precisione, è una supertraversa, perché studiata in modo da produrre elettricità nel momento in cui passano i treni sulla linea. Il progetto si chiama Greenrail ed è stato messo a punto da tre giovani siciliani: Giovanni De Lisi, Manfredi Inguaggio e Salvatore Greco. Le speciali traversine sono costruite con una mescola di plastica e gomma riciclate e contengono all’interno un sistema piezoelettrico formato da due pulsanti situati nella zona della traverso su cui sono poggiate le rotaie. Quando passa il treno, lo schiacciamento subìto (tra 1 e 2 centimetri) e la vibrazione viene sfruttata per attivare il sistema e generare energia, poi trasferita ad accumulatori esterni e infine immessa in rete. Secondo le stime, il passaggio di 10-20 treni l’ora sulle traversine consentirebbe di produrre circa 1,25 MWh di energia pulita.

Ma i vantaggi del nuovo sistema non sono soltanto di tipo energetico: le traversine in composito sono più resistenti delle linee in cemento attualmente usate, che hanno alti costi di manutenzione perché sono pesanti, poco flessibili e tendono a frantumare rapidamente il pietrisco (o ballast) sottostante, creando avvallamenti e disallineamenti dei binari. Infine, la produzione delle traverse Greenrail permetterebbero di riciclare grandi quantità di plastica e di gomma derivata da vecchi pneumatici.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009