Con i veicoli elettrici Primove la ricarica avviene senza fili

Di , scritto il 05 Giugno 2013

autobus a ricarica elettrica senza filiIl principio che sta alla base della tecnologia Primove dell’azienda canadese Bombardier Transportation potrebbe costituire un modo per trasformare radicalmente la mobilità cittadina nella direzione della massima sostenibilità ambientale e senza dare nell’occhio.

Si tratta in fatti di alimentare i veicoli elettrici di qualsiasi tipo (auto, ma anche trams, autobus e autocarri) mediante una ricarica per induzione magnetica, senza l’ausilio di fili e colonnine. I veicoli vengono ricaricati sia quando sono in moto (con una ricarica dinamica) che a riposo (con una ricarica statica), direttamente in strada in apposite postazioni costituite da speciali piastre magnetiche posizionate sotto l’asfalto urbano. I veicoli sono muniti di una batteria a ricarica estremamente veloce (fino a tre volte più rapida di una tradizionale) e di un sistema di propulsione e controllo che ottimizza l’efficienza energetica.

I lavori necessari per mettere a disposizione questa tecnologia sono poco invasivi: per posizionare il magnete è necessario aprire l’asfalto per una superficie molto piccola. L’eliminazione di cavi aerei e altri impianti per la ricarica elettrica consentirà di lasciare intatto il panorama cittadino, anche in luoghi di particolare interesse storico-culturale. Nella città tedesca di Mannheim è già stata avviata la sperimentazione. Vanno nella stessa direzione anche il comune di Berlino e di Brunswick in Germania, quello di Bruges in Belgio e i cinesi di Nanjing.


1 commento su “Con i veicoli elettrici Primove la ricarica avviene senza fili”
  1. alke ha detto:

    Questa tecnologia è davvero stupefacente, speriamo si diffonda al più presto.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009