Numero Zero: primo esempio di cohousing a Torino

Di , scritto il 05 Febbraio 2013

Il co-housing, l’abitazione partecipata è una realtà anche a Torino, precisamente nel quartiere più multietnico del capoluogo piemontese, Porta Palazzo, zona pittoresca e problematica, da sempre famosa per il suo grande mercato di strada.

Numero Zero (di cui vedete una foto quando ancora erano in corso i lavori di ristrutturazione) è un condominio in cui ogni nucleo familiare ha il suo appartamento ma condivide spazi comuni, apribili anche al quartiere: un locale che ospita un micronido, un laboratorio per il bricolage, un terrazzo e un piccolo spazio verde.

Tutto è nato quando alcuni membri dell’associazione CoAbitare hanno fondato la cooperativa Numero Zero, un progetto pilota di co-housing che riguarda 15 persone suddivise in 8 nuclei familiari di single e famiglie più o meno giovani. Dopo anni di riunioni e di messa in comune di tempo e competenze, la casa è stata ristrutturata in base ai più moderni criteri di efficienza energetica (cappotto termico, riscaldamento a pavimento, uso di solare termico) con dimezzamento della spese per sanitari e impianti di vario tipo grazie all’acquisto comune.

L’intento è di fare un esperimento sociale “trasparente” da riproporre altrove: Numero Zero collabora infatti con il l’Agenzia del Comune di Torino che si occupa di rigenerazione sociale e ambientale.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009