Tramontata l’era dell’usa-e-getta, siamo in quella del noleggio

Di , scritto il 04 Dicembre 2013

prendere in prestito noleggioNoleggia quando ti serve, utilizza senza remore e poi restituisci. Ovvero: quasi niente di quello che ho è veramente mio, ma lo uso e lo esibisco. La tendenza ha preso piede soprattutto tra i giovani e per ragioni molto spicce: i costi del noleggio sono più alla portata del vero e proprio acquisto – e lo spazio a disposizione nelle case è ben poco. Ma quanti hanno a cuore l’ambiente non possono che rallegrarsi del fatto che un oggetto venga usato più e più volte prima di arrivare al fine vita. Anche l’usa-e-restituisci è una forma di consumismo, ma produce masse più contenute di rifiuti.

Nel panorama degli oggetti “non acquistati per sempre” spiccano cellulari e tablet in comodato d’uso dai provider di telefonia mobile, ovvero pagati a rate con contratti vincolati alla scadenza, quando spesso vengono cambiati con modelli più all’avanguardia. Gettonatissimi i servizi di car sharing e la condivisione di biciclette in molte metropoli. Sale anche la domanda per le case in affitto tra i cittadini tra i 25 e i 35 anni, soprattutto per via dei prezzi stratosferici che hanno raggiunto le abitazioni. E sono sempre più numerosi i giovani che vivono in condivisione.

Parlando di abbigliamento e accessori, è arrivata anche in Italia quella che negli USA è consuetudine da tempo: affittare abiti, borse, scarpe, occhiali da sole, gioielli e orologi. Le grandi firme sono infatti troppo costose per potersi permettere l’acquisto, ma il piacere di sfoggiare mises diverse in ogni occasione è irresistibile e allora bisogna trovare una soluzione che non prosciughi il portafogli.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009