Come limitare l’esposizione alle sostanze tossiche in ambito domestico

Di , scritto il 02 Settembre 2010

L’aria che respiriamo nelle nostre case possiede un’alta concentrazione di sostanze tossiche che, paradossalmente derivano dai prodotti e dagli oggetti da noi utilizzati per migliorare la qualità della vita. Il continuo aumento delle patologie legate a disturbi del sistema immunitario, allergie e asma sempre più frequenti, i disturbi ormonali e la sindrome da stanchezza cronica che aumentano in maniera esponenziali dovrebbero farci riflettere sulle ripercussioni che i fattori ambientali possono avere sulla nostra salute.

Gli effetti dell’esposizione alle tossine non si manifestano immediatamente e la maggior parte di noi non ha né la conoscenza scientifica né il tempo materiale per verificare il contenuto delle sostanze con cui viene a contatto quotidianamente. Ma tutti possono adottare alcune semplici regole per ridurre l’esposizione alle sostanze tossiche in ambito domestico: è  o importante saper riconoscere le sostanze e gli oggetti più comuni che costituiscono un pericolo per la salute, trovare dei sostituti sicuri, al fine di mitigare il pericolo o evitarlo totalmente.

Queste sono alcune delle sostanze più dannose:

* Composti organici volatili (COV): si trovano nei tappeti e nei mobili imbottiti nuovi, in alcuni tipi di pitture e vernici, nella maggior parte dei pannelli di legno truciolato, nella plastica e negli articoli di elettronica nuovi, in deodoranti, shampoo e cosmetici, negli indumenti lavati a secco, negli antitarme, nei deodoranti per l’ambiente, nei fumi derivati dalla combustione delle stufe a legna e del tabacco. Meglio quindi i mobili di legno massiccio o listellare, e quelli di seconda mano! Tappeti, divani e poltrone nuove dovrebbero essere lasciati in garage per alcuni giorni prima di essere portati in casa. Meglio dipingere le pareti con pitture a basso o zero contenuto di COV e in ogni caso, scegliere i mesi caldi, in modo da arieggiare bene gli ambienti per qualche tempo.

* Muffe e funghi: le micotossine si trovano nelle aree umide con frequenti cambiamenti di temperatura e negli ambienti in cui è attivato il condizionamento dell’aria. E’ importante tenere puliti i filtri degli impianti di riscaldamento, ventilazione e climatizzazione, utilizzare un deumidificatore per mantenere l’umidità relativa sotto il 60% e conservare gli oggetti con un alto contenuto di cellulosa (giornali e cartone) in angoli molto asciutti.

* Ftalati: sono contenuti soprattutto nel PVC (cloruro di polivinile) e nelle fragranze sintetiche. Sono dannosi anche in piccolissime dosi per bambini e donne in gravidanza. Si trovano nelle bottiglie di plastica, nelle pellicole adesive trasparenti, nei contenitori di plastica per la conservazione del cibo, nelle tende per le docce, nei materassini gonfiabili, nei giocattoli, in molti cosmetici e fissatori e in alcuni tipi di tendaggi. Per non correre pericoli, occorre sempre controllare l’etichetta dei giocattoli per neonati per verificare che siano privi di ftalati; evitare di mangiare cibo conservato in contenitori di plastica PVC e non utilizzarli nel forno a microonde. Preferire le tende in tessuti di fibra naturale come cotone, lino, seta, canapa o bambù.

* Diossine: sono composti chimici che si formano nei processi di combustione di legno, carbone o derivati del petrolio e negli inceneritori di rifiuti, nello sbiancamento con cloro di cellulosa e carta. Si accumulano nei grassi animali: latte, latticini, pesce e carni di ogni tipo. Anche se risulta difficile, vale la pena di ridurre almeno in parte il consumo di carne e prodotti lattiero-caseari. Ma soprattutto occorre evitare di bruciare materiali che contengono cloro, come la plastica e il legno trattato con pentaclorofenolo.

* Metalli pesanti (arsenico, mercurio, piombo, alluminio e cadmio). Si trovano nell’acqua potabile, nel pesce, nei vaccini, negli antidiaforetici, nei materiali per l’edilizia, negli amalgami dentali, nelle vernici al piombo. I loro effetti si possono ridurre installando dei filtri per l’acqua, utilizzando sempre acqua fredda per bere, cucinare, preparare tè e caffè e anche evitando di usare vecchie padelle rivestite di Teflon.

* Cloroformio: un liquido incolore, non irritante e dall’odoredolciastro, molto usato per ricavare altre sostanze chimiche e come disinfettante. Si forma per reazione chimica quando il cloro viene aggiunto all’acqua e quando esso viene in contatto con sostanze organiche. Meglio ridurre la temperatura dell’acqua nella doccia o nella vasca, aprire la finestra quando si utilizza l’acqua calda per lavare o pulire e sistemare la lavatrice in un punto ben ventilabile.

In ogni stagione, la casa deve essere frequentemente arieggiata, meglio se creando un riscontro tra due finestre opposte. Cinque-dieci minuti di ventilazione naturale anche d’inverno, più volte durante la giornata, faranno in modo che l’aria all’interno della casa non sia peggiore di quella delle nostre città! Qui qualche approfondimento su come effettuare al meglio il ricambio di aria in casa.


5 commenti su “Come limitare l’esposizione alle sostanze tossiche in ambito domestico”
  1. […] E’ indubbiamente un piacere vedere edifici e ambienti interni sempre verniciati o pitturati di fresco. Ma è doveroso considerare i rischi per la salute che può comportare la scelta di vernici e pitture prodotte con sostanze di sintesi, invece che a base di materie prime naturali. Vediamo quindi come sceglierle in modo che non diventino una delle principali cause dell’inquinamento interno alle nostre case. […]

  2. […] di scegliere quelli contenenti composti chimici pericolosi per la salute (ne abbiamo parlato in questo post) come VOC e formaldeide: attenzione soprattutto alle moquette, agli isolanti, alle colle, alle […]

  3. […] eliminazione di emissioni nocive e sgradevoli odori. Inoltre non contiene i temibili VOC (composti organici volatili), dannosi per la salute e per l’ambiente. Il fatto che sia priva di sostanze acriliche la […]

  4. […] in locali dall’aria viziata e inquinata. Tempo fa spiegavamo come vi sia gran quantità di sostanze tossiche nell’ambiente domestico, nei locali pubblici e negli uffici, specialmente dove vi sono fotocopiatrici, lampade al neon e […]

  5. […] con a termini tipo “polveri sottili”, “ozono” e “monossido di carbonio”. Ma, come abbiamo già sottolineato, siamo molto meno consapevoli dell’importanza della qualità dell’aria negli ambienti chiusi, […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloEcologia.it – Il blog sull'ecologia e l'ambiente supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009